24 CFU concorso 2018. Quale il livello di difficoltà degli esami? Aspiranti insegnanti: è costoso, non può essere una preselezione al concorso

WhatsApp
Telegram

Una decina di studenti aspiranti docenti dell’ateneo di Pisa hanno manifestato davanti al rettorato per chiedere un incontro pubblico sul percorso formativo per i 24 crediti.

I docenti lamentano di non sapere quando ci sarà il concorso e anche di non conoscere il livello di difficoltà delle prove d’esame, che potrebbero essere sproporzionati al’obiettivo del percorso.„

“Il nostro timore – dichiarano le aspiranti insegnanti a Pisatoday.it – è che queste presentino livelli di difficoltà sproporzionati rispetto all’obiettivo dell’intero percorso. La cosa che più ci preoccupa è che il PF24, pagato a caro prezzo visto che a Pisa può arrivare a costare fino a 410 euro, risulti una preselezione al concorso piuttosto che un passaggio per conseguire i prerequisiti necessari per partecipare poi alla selezione vera e propria”.

I manifestanti sono stati ricevuti durante la riunione del Consiglio di Amministrazione dell’Università ed hanno chiesto di convocare un incontro pubblico con docenti e responsabili del percorso formativo. Il CdA si è reso disponibile all’incontro che dovrebbe avvenire, dicono i manifestanti, prima del 31 gennaio, ultimo giorno utile per il pagamento delle tasse d’iscrizione.

fonte

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur