24 CFU per concorso non abilitati 2018, aspiranti in balia delle Università

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Pubblichiamo il testo della lettera che il Coordinamento precari e precarie della scuola di Bologna ha diffuso per evidenziare come l’acquisizione dei 24 CFU non sia un iter semplice e come i docenti siano costretti ad “inseguire” le scadenze.

“A poco più di un mese dagli esami e con i corsi che stanno per finire, chi ha chiesto il riconoscimento dei crediti ai fini dei 24 cfu all’Unibo ancora aspetta di sapere l’esito della procedura, che doveva essere comunicato “entro febbraio”.

E’ inaccettabile e irrispettoso nei nostri confronti il fatto che ancora una volta i tempi slittino senza che ci venga fornita nessuna informazione.
Abbiamo scritto agli uffici di Aform e al Direttore del dipartimento di scienze dell’ed ucazione chiedendo di sapere:
– l’esito dei riconoscimenti, o le ragioni dei ritardi;
– le date degli appelli;
– i programmi ridotti per chi recupererà solo parte dei crediti.
Qui di seguito il testo dell’e-mail.

Gentilissimi
Ad oggi, gli immatricolati e le immatricolate al percorso per l’acquisizione dei 24 cfu che hanno richiesto il riconoscimento dei crediti già maturati durante i percorsi di studi precedenti non hanno avuto ancora nessuna notizia sull’esito della procedura. Eppure, la pagina web dedicata al percorso garantiva che l’esito sarebbe stato reso noto “entro febbraio”; della stessa scadenza si è parlato durante le assemblee informative per i non frequentanti tenutesi in via Belmeloro.
Già nei mesi scorsi abbiamo denunciato l’assenza di informazioni chiare e tempestive e di tempi certi, nonché i ritardi dell’unibo nell’avviare i corsi; una situazione che ha già causato non poche ansie e difficoltà organizzative agli/alle aspiranti insegnanti e a chi già insegna e si ritrova a doversi adeguare a requisiti retroattivi e ingiusti.
Ci spiace constatare che, anche per quanto riguarda la comunicazione dell’esito dei riconoscimenti, l’Unibo non rispetta le scadenze che i suoi stessi uffici si sono dati, lasciandoci nella totale incertezza a poco più di un mese dalle date in cui sarebbero previsti gli appelli d’esame per il recupero dei cfu, senza fornire neanche una spiegazione sul ritardo.
Chi non dovesse vedersi riconosciuti parte o tutti i crediti, si troverà a preparare fino a 4 esami in pochissimo tempo, magari mentre lavora a scuola.
Anche degli appelli non si sa nulla di ufficiale e tutto è lasciato alle voci o alle ipotesi.
Pur riconoscendo lo sforzo di chi ha lavorato in questi mesi per mettere in piedi il percorso 24 cfu e il sistema dei riconoscimenti, per di più in tempi stretti e in assenza di indicazioni chiare da parte del ministero, non possiamo accettare l’ennesimo allungamento dei tempi: chiediamo che l’esito dei riconoscimenti sia comunicato al più presto e che siano pubblicate con congruo anticipo tutte le date degli appelli nonché i programmi ridotti per chi dovrà recuperare solo parte dei crediti.
Restando in attesa, assieme a tanti/e colleghi/e, di informazioni e spiegazioni, porgiamo cordiali saluti “

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione