2011 Docenti e pensioni, riflessioni…

di Lalla
ipsef

Prof.ssa Alessandra Bolognini – Salve!! Sono una docente di scuola secondaria di II grado, 32 anni di servizio; riscatto del diploma I.S.E.F. assolto con domanda effettuata il primo anno di immissione in ruolo. Ho 50 anni, speravo di andare giustamente in pensione con i 40 di anzianità compreso il riscatto. Oggi leggendo le nuove proposte del governo sono rimasta allibita, senza parole…

Prof.ssa Alessandra Bolognini – Salve!! Sono una docente di scuola secondaria di II grado, 32 anni di servizio; riscatto del diploma I.S.E.F. assolto con domanda effettuata il primo anno di immissione in ruolo. Ho 50 anni, speravo di andare giustamente in pensione con i 40 di anzianità compreso il riscatto. Oggi leggendo le nuove proposte del governo sono rimasta allibita, senza parole…

Si parla di premiare i migliori docenti, beh lavoro a scuola metà della mia giornata e con tanta passione da anni, collaboro anche con il Dirigente Scolastico, e non mi sono mai permessa di guardare l’orologio quando lavoro, resto lì sin tanto soddisfatta di aver portato a termine ciò che dovevo fare torno a casa. Il tempo passa e non basta mai…e oggi mi ritrovo a dire: ma stiamo forse esagerando?

Per me, ma soprattutto per i giovani di oggi…quale modello di vita vogliamo prendere come esempio? C’è da scegliere…è mortificante guardarsi intorno. L’apparenza luccica a discapito di gente che non riesce ad arrivare alla fine del mese. Ed io e molte persone oneste lavoriamo, in silenzio…molte si lamentano anche per il lavoro che hanno.

Forse siamo tutti confusi…ma convinti di una cosa; così non va…a che serve lavorare? Sottopagati, tartassati dalle tasse, frustrati…Invito al buonsenso, che si trovi un’altra soluzione o sarà il caos…d’identità e di malessere sociale.

Forse nessuno mi ascolta, ma non importa, forse nessuno mi legge ma non importa…ciò che è importante ora è salvare l’Italia, ma non così…premiata forse no ma almeno non premiate chi non merita.

Manovra, ritocco alle pensioni: servizio militare e università non sono più validi

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione