20% famiglie non si iscrivono a paritarie perché costano troppo. Scuola paritaria, scuola dimenticata

Di Lalla
Stampa

Ufficio Stampa AGeSC – Anche in un momento di grande confusione, dove sembrano mancare interlocutori affidabili soprattutto nella politica, molti genitori italiani non rinunciano a impegnarsi per essere sempre più e meglio protagonisti nell’impegno educativo in famiglia e a scuola e per chiedere il rispetto ed il sostegno a questo loro compito che può essere pienamente esercitato solo nella libertà di educazione.

Ufficio Stampa AGeSC – Anche in un momento di grande confusione, dove sembrano mancare interlocutori affidabili soprattutto nella politica, molti genitori italiani non rinunciano a impegnarsi per essere sempre più e meglio protagonisti nell’impegno educativo in famiglia e a scuola e per chiedere il rispetto ed il sostegno a questo loro compito che può essere pienamente esercitato solo nella libertà di educazione.

Sabato 19 e domenica 20 febbraio si riunisce a Firenze il Consiglio Nazionale dell’Associazione Genitori Scuole Cattoliche. Un centinaio di genitori – provenienti da 17 regioni e oltre 60 province italiane – si incontrano per rappresentare le istanze e le preoccupazioni delle famiglie di oltre 800mila alunni delle scuole cattoliche italiane (più di un milione in tutto il sistema paritario).

Interverrà il prof. Tommaso Agasisti a presentare la ricerca “La scelta delle famiglie per la scuola paritaria: un punto di vista economico”, con la quale si conferma che il 20% dei genitori è costretto per motivi economici a rinunciare all’esercizio della propria libertà di scelta della scuola per i figli e che lo Stato, sostenendo – come accade in tutta Europa – le famiglie nella scelta della scuola paritaria, potrebbe risparmiare o
comunque potrebbe garantire il diritto primario alla libertà di educazione senza accrescere la propria spesa.

Al Consiglio interverrà poi la prof.sa Gregoria Cannarozzo che parlerà de “I genitori e la valutazione scolastica”: sarà un momento di formazione e confronto sulla presenza cosciente e informata dei genitori nella vita della scuola.

All’assise dell’AGeSC interverranno, tra gli altri, anche l’assessore all’Educazione del Comune di Firenze, Rosa Maria Di Giorgi, e il vescovo ausiliario della Diocesi di Firenze, Mons. Claudio Maniago.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur