1,7 milioni di bambini muoiono ogni anno a causa dell’inquinamento

WhatsApp
Telegram

L’inquinamento dell’ambiente uccide ogni anno 1,7 milioni di bambini sotto i cinque anni.

L’allarme è stato lanciato dall’Organizzazione mondiale per la Sanità dell’Onu secondo la quale più di un quarto dei decessi di bambini è causato dalle diverse fonti di inquinamento: smog, tabagismo passivo, acque insalubri, igiene insufficiente.

Il primo rapporto – intitolato “Inheriting a Sustainable World: Atlas on Children’s Health and the Environment” – rivela che una gran parte delle malattie che causano i decessi dei bambini, vale a dire diarrea, malaria e polmonite, potrebbero essere evitate grazie ad interventi a favore dell’ambiente, come l’accesso ad acqua potabile e l’uso di combustibili puliti per la preparazione dei pasti.

In un altro rapporto – intitolato “Don’t pollute my future!” – viene offerto un panorama completo delle conseguenze dell’inquinamento dell’ambiente sulla salute dei bambini e mostra la vastità del problema: – ogni anno 570mila bambini di meno di 5 anni muoiono a causa di infezioni delle vie respiratorie – 361mila bambini di meno di 5 anni muoiono di malattie diarroiche a causa di insufficiente accesso ad acqua potabile e a scarsa igiene – 270mila bambini di meno di 5 anni muoiono subito dopo la nascita o per una nascita prematura, che potrebbero essere evitate con un ambiente meno inquinato – 200mila bambini muoiono per la malaria – 200mila bambini muoiono per traumi accidentali attribuibili all’ambiente (intossicazioni, cadute, annegamenti).

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur