16enne “ruba” la macchina alla mamma per ottenere like su Facebook: multa da oltre 15mila euro per guida senza patente

WhatsApp
Telegram

Nei giorni scorsi, i Carabinieri di Giussano hanno risolto un insolito caso di danneggiamento d’auto avvenuto in circostanze misteriose. La storia coinvolge un ragazzo di 16 anni, un’auto Fiat 500 nera, una donna 38enne brianzola in viaggio, e un malinteso furto d’auto.

La storia ha preso una piega inaspettata quando, poco dopo la segnalazione del furto, il padre della proprietaria ha ritrovato l’auto danneggiata vicino al cimitero di Giussano. La presenza del ragazzo sul luogo ha destato sospetti. Il racconto dei fatti non coincideva con le prove materiali, facendo emergere possibili incongruenze sul ruolo del giovane.

Indagando, i Carabinieri hanno scoperto una storia sorprendente. Il ragazzo, in cerca di notorietà sui social media, aveva preso la Fiat 500 della madre per girare video con i suoi amici. I ragazzi si erano alternati alla guida dell’auto, registrando le loro avventure e condividendole sulla pagina social “maresciallo_ciprendi”, sperando in un’ondata di “like”.

Questo gioco pericoloso ha portato a danni significativi per l’auto. La Fiat 500 ha subito danni alle fiancate, ai paraurti e ai fanali, ed ha addirittura danneggiato due auto in sosta e un cancello.

Scherzo del destino, la nonna del ragazzo aveva discusso con lui solo pochi giorni prima sui rischi e l’assurdità di incidenti analoghi avvenuti a Roma, provocati da giovani in cerca di fama sui social.

La vicenda si è conclusa con la comminazione di sanzioni per un totale di 16.000 euro al ragazzo, per guida senza patente e per l’incauto affidamento della vettura, che ha subito un fermo amministrativo.

WhatsApp
Telegram

Concorso docenti 2024/25, bando a novembre: cosa studiare e come prepararsi. Webinar Eurosofia di presentazione il 26 luglio ore 17.00