15 luglio a Roma sit in abilitati con TFA ordinario. Chiederanno al Ministro l’inserimento nelle graduatorie ad esaurimento

di Lalla
ipsef

red – Un gruppo di abilitati con TFA ordinario ha organizzato per lunedì 15 luglio un sit in davanti al MIUR, con il fine di discutere la loro condizione di neo-abilitati. Una delegazione chiederà di incontrare il Ministro, al quale sarà avanzata la richiesta di inserimento in graduatoria ad esaurimento.

red – Un gruppo di abilitati con TFA ordinario ha organizzato per lunedì 15 luglio un sit in davanti al MIUR, con il fine di discutere la loro condizione di neo-abilitati. Una delegazione chiederà di incontrare il Ministro, al quale sarà avanzata la richiesta di inserimento in graduatoria ad esaurimento.

I docenti che in questi giorni stanno conseguendo o hanno già conseguito il titolo di abilitazione con il primo ciclo del TFA (Tirocinio formativo attivo) ordinario, dal punto di vista normativo, non hanno la possibilità di spendere il loro titolo per l’a.s. 2013/14 in quanto l’aggiornamento delle graduatorie di istituto (la loro collocazione sarà in II fascia) avverrà nel 2014.

L’idea del sit in è nata, all’interno del gruppo, dalla necessità "di riconoscere il merito dimostrato e la professionalità raggiunta mediante questo faticoso percorso di formazione didattica".

A preoccupare i docenti sono i provvedimenti già varati dal Ministro per l’attuazione dei Percorsi speciali abilitanti, nonchè la condizione di stand by in cui versano le procedure per l’indizione di un nuovo concorso, che avrebbe dovuto essere (nelle intenzioni degli ex Ministri Gelmini e Profumo) la naturale prosecuzione del percorso avviato con il TFA.

Percorso che a questo punto è diventato monco della gamba più importante, quella che dovrà portare i docenti abilitati con TFA a stipulare il rapporto di lavoro a tempo indeterminato.

Occhi puntati, di conseguenza, sulle Graduatorie ad esaurimento che, in base alla legge 296/06 non consentono nuovi inserimenti. Il gruppo contesta tale chiusura, seguendo questo ragionamento "Non reputiamo giusto, ci perdoni, l’ultimo decreto ministeriale (D.M. n. 572 del 27 giugno 2013) che prevede l’integrazione delle Graduatorie ad esaurimento solo per alcuni profili professionali e non per i sottoscritti, sancendo il paradosso per cui un’abilitazione conseguita all’estero gode di un riconoscimento ufficiale, mentre quella nostra, in tutto e per tutto pari a quella acquisita dagli abilitati SISS, resta relegata in un limbo, priva di adeguata legittimazione.

Siamo fermamente convinti infatti che, dal punto di vista giuridico, la possibilità fornita ai congelati SISS di conseguire l’abilitazione tramite lo stesso TFA da noi frequentato, affermi un’equiparazione de facto dei due titoli di abilitazione e perciò riconosca implicitamente il diritto ad essere inseriti nelle Graduatorie ad esaurimento. Ciò che manca, a questo punto, sarebbe l’esplicitazione legislativa di questo diritto conquistato con merito, dedizione, impegno, speranza e sacrifici economici da noi neo-abilitati"

Queste dunque le richieste che saranno avanzate al Ministro lunedì 15 luglio dal Gruppo di neo-abilitati del TFA ordinario in mobilitazione

Il manifesto del gruppo 

Versione stampabile
anief anief
soloformazione