15 gennaio scade domanda per riammissione in servizio

di redazione
ipsef

a cura di G. R. – Ricordiamo che, riportando una pagina di Euroedizioni.it che linkiamo come correttezza vuole alla fine della pagina, che come ogni anno è previsto per il 15 gennaio il termine per la presentazione delle domande di riammissione in servizio per quanto concerne il personale direttivo, ispettivo, docente, educativo e ATA cessato dal servizio.

a cura di G. R. – Ricordiamo che, riportando una pagina di Euroedizioni.it che linkiamo come correttezza vuole alla fine della pagina, che come ogni anno è previsto per il 15 gennaio il termine per la presentazione delle domande di riammissione in servizio per quanto concerne il personale direttivo, ispettivo, docente, educativo e ATA cessato dal servizio.

Il D.L.vo n. 297/1994 prevede, all’art. 516, la possibilità per il suddetto personale di richiedere la riammissione in servizio ai sensi del DPR n. 3/1957, art. 132. Si precisa che, con riferimento a quest’ultima norma, in seguito alla sentenza n. 3 del 26/01/1994 della Corte Costituzionale, è stato dichiarato illegittimo il comma 1 dell’art. 132, nella parte in cui non prevede la possibilità di essere riammessi in servizio dopo essere stati dispensati per motivi di salute. In altre parole, il suddetto comma non comprendeva la dispensa dal servizio per motivi di salute tra le fattispecie di cessazione del rapporto di impiego pubblico dopo le quali è possibile richiedere la riammissione in servizio.

La sequenza contrattuale del 2/02/2005, sottoscritta tra ARAN e OO.SS. ha, inoltre, precisato che in materia di riammissione in servizio continua a trovare applicazione l’art. 132 del DPR n. 3/1957.

Condizione necessaria per essere riammessi in servizio è la disponibilità del posto o della cattedra. Inoltre, la cessazione non deve essere avvenuta in applicazione di norme speciali o transitorie.

Una volta riammesso in servizio, il suddetto personale assume nel ruolo la posizione economica e giuridica che occupava nel momento in cui ha richiesto la cessazione del rapporto di impiego.

Pagina originale

Versione stampabile
anief anief
soloformazione