132 mila precari ancora in GaE: 106 mila infanzia e primaria, 90 mila ingressi tramite ricorsi. GaE non uno di meno: fascia per gli storici

Stampa

Si tratta dei numeri forniti dal movimento GAE IN RUOLO – NON UNO DI MENO durante le audizioni sui profili attuativi della legge 107/2015 in Commissione Cultura al Senato.

Le graduatorie completamente esaurite sono 66, mentre 124 hanno un docente iscritto. Nel complesso 132 sono i precari ancora da sistemare, di cui 26 mila di secondaria di primo e secondo grado e ben 106 mila tra infanzia e primaria. Si tratta di oltre 90 mila “docenti” inseriti in GaE dai giudici a seguito di ricorsi.

Il movimento ha chiesto di verificare la possibilità di “proteggere” chi è inserito in GaE da 10-15 anni, i precari storici, con una fascia differente. Altro dato conosciuto ieri è stato quello sulle cdc esaurite (66), mentre restano ancora 124 cdc con almeno un docente presente nella graduatoria.

GAE IN RUOLO – NON UNO DI MENO, per ciò che concerne l’atto 377 che riguarda “il sistema di formazione iniziale e di accesso nei ruoli di docente”, ha sottolineato, innanzitutto, l’assoluta mancanza di riferimento ai docenti Residuali delle GaE al Capo V, la cosiddetta “fase transitoria”.

“Noi – ha detto Luigi Mazza, coordinatore del movimento – non dimentichiamo i colleghi che da oltre 20 anni mandano avanti la scuola italiana, e per questo abbiamo chiesto al Governo dei dati certi sui pensionamenti e sui posti disponibili nei prossimi 3 anni per capire quando le GaE saranno esaurite e tutti i docenti presenti nelle stesse assunti finalmente a tempo indeterminato, non uno di meno appunto.”

Un netto NO è avanzato relativamente all’avvio di un nuovo TFA, “se non si sarà prima verificata la consistenza degli abilitati di seconda fascia nelle varie classi di concorso, per evitare di ricommettere lo stesso errore del primo Tfa, cioè abilitare nuovi docenti su classi sature”.

“Perché – ha continuato i. coordinatore – abilitare in classi di concorso come l’A019 con 9.700 docenti all’epoca in GaE ed un turnover di 200 docenti l’anno fu una mossa prettamente economica, non certo in favore di una scuola migliore. I colleghi di seconda fascia furono chiaramente ingannati.”

Link degli interventi

Stampa

Preparazione concorsi, TFA e punteggio in graduatoria con CFIScuola!