13 novembre: per due ore le scuole si fermano

di Lalla
ipsef

red – Per il prossimo 13 novembre le Organizzazioni sindacali hanno messo in atto un’iniziativa unitaria: un’assemblea sindacale di due ore in cui tutte le scuole per due ore sospendono di fare lezione per discutere, coinvolgere, protestare contro la considerazione che questo Governo riserva alla scuola ed al suo personale.

red – Per il prossimo 13 novembre le Organizzazioni sindacali hanno messo in atto un’iniziativa unitaria: un’assemblea sindacale di due ore in cui tutte le scuole per due ore sospendono di fare lezione per discutere, coinvolgere, protestare contro la considerazione che questo Governo riserva alla scuola ed al suo personale.

Il documento unitario

Ai Segretari regionali di
FLC CGIL, CISL Scuola, UIL Scuola, SNALS e GILDA

Ai Segretari provinciali e Territoriali di
FLC CGIL, CISL Scuola, UIL Scuola, SNALS e GILDA

L O R O S E D I

Come è noto si è compattato tutto il fronte sindacale, conseguentemente, è cresciuta l’esigenza di accentuare le azioni di pressione, protesta e coinvolgimento dell’intera categoria per contrastare l’attacco alla scuola pubblica e ai diritti contrattuali del personale. I risultati da realizzare sono: cancellazione delle norme sulla scuola dalla Legge di stabilità e l’atto d’indirizzo per il pagamento degli scatti.

Pertanto, raccomandiamo il massimo della condivisione e coesione per realizzare le iniziative in atto, sia quelle decise nazionalmente che quelle, nell’ambito degli obiettivi della vertenza, definiti nei singoli territori; tra queste, si sottolinea l’importanza dell’iniziativa assembleare del 13 novembre che vuole rappresentare un momento importante di protesta in cui tutte le scuole per due ore sospendono di fare lezione per discutere, coinvolgere, protestare contro la considerazione che questo Governo riserva alla scuola ed al suo personale.

A tale proposito riteniamo necessario che le assemblee siano convocate e gestite unitariamente, con le modalità che riterrete di attivare in funzione delle realtà territoriali, ma avendo a riferimento, la contestualità e gli obiettivi dell’iniziativa, da accompagnare con un’azione di informazione anche esterna dell’iniziativa stessa e con l’invio di documenti sottoscritti in seno alle assemblee.

Restano ferme ogni altra attività sindacale programmata che mantenga alto il livello della mobilitazione della categoria.

Le Segreterie nazionali seguiranno i lavori parlamentari del provvedimento, che è ancora all’inizio del suo iter (proprio il giorno 13 dovrebbe arrivare alla Camera dei Deputati per la discussione), con l’intento di organizzare sit – Inn e manifestazioni di protesta, per ottenere la cancellazione delle norme contestate.

F.to i segretari generali di

FLC – CGIL CISL Scuola UIL Scuola SNALS Confsal GILDA Unams

Versione stampabile
soloformazione