13 dicembre ore 15 davanti al Miur: il quizzone fallo tu!

di Lalla
ipsef

Coordinamento delle scuole di Roma – Appuntamento il 13 dicembre alle 15.00 davanti al Miur per far fare il quizzone a Profumo e rilanciare la lotta a difesa della scuola pubblica. I quesiti che saranno proposti (senza le risposte).

Coordinamento delle scuole di Roma – Appuntamento il 13 dicembre alle 15.00 davanti al Miur per far fare il quizzone a Profumo e rilanciare la lotta a difesa della scuola pubblica. I quesiti che saranno proposti (senza le risposte).

Logica, quesito n. 1

Il precario Ubaldo prima del 2008 otteneva annualmente un incarico dal provveditorato. Poi è stato licenziato dal Ministro Gelmini, ma dieci anni fa si era abilitato sostenendo concorsi ed esami di stato e mandando avanti la scuola con il suo lavoro qualificato. Ora il Ministro Profumo bandisce un concorso per giovani quarantenni, con un quizzone preselettivo e punteggi dati a chi ha pubblicazioni scientifiche, non a chi lavora da anni a scuola. Se le affermazioni precedenti sono vere, allora è evidente che:

  • La scuola pubblica dovrebbe essere finanziata, non tagliata, e i precari assunti su posti che sono
    vacanti e disponibili.
  • Se per 11.000 posti si presentano in 320.000 è un successo e nulla ha a che vedere con la disperazione del paese e un tasso di disoccupazione mai raggiunto prima.
  • Chi conosce bene la differenza tra CTRL z e CTRL a è senz’altro più adatto a instaurare un rapporto didatticamente efficace con i suoi alunni.
  • Il Ministro Profumo non fa altro che applicare la legge e non ha nulla da nascondere dietro al
    concorso.

Comprensione del testo, quesito n. 2

Chi rifiuta la privatizzazione della scuola e di vedere calpestati i propri diritti è un corporativo. Chi non vuole 2 ore in più a settimana lavorandone già ben oltre rifiuta l’innovazione. Chi è corporativo e chi non vuole l’innovazione va cacciato. Se le affermazioni precedenti sono vere, allora:

  • È necessario partecipare alla trasmissione di un sorridente conduttore per spiegare all’Italia che gli insegnanti sono corporativi.
  • “Corpo docente” è un’espressione più breve, ma equivalente a “corporativismo docente”, come esiste una 953 buona e una cattiva.
  • Io dico 24, poi me lo rimangio, poi rilancio e qualche fesso che chiude a 20 lo trovo.
  • Gli insegnanti lavorano molto più di 18 ore: gli insegnanti si fanno carico della funzione più alta di un qualsiasi consesso umano: collaborano al futuro dei giovani e difendono insieme al proprio lavoro, anche i diritti degli studenti e la scuola tutta.

Lingua inglese, quesito n. 3

A SIT IN is:

  • Un ritrovo di gente “choosy” (by E. Fornero).
  • Un diversivo contro la noia del “regular job” (posto fisso, by super M. Monti).
  • Il momento in cui alla carota si sostituisce il bastone (by F. Profumo).
Versione stampabile
anief anief
soloformazione