Argomenti Didattica

Tutti gli argomenti

10 strategie per l’apprendimento online (o DDI)

Stampa

I membri delle reti di apprendimento (pedagogisti, didatta, ricercatori) in tutto il mondo, anche in Italia, hanno lavorato duramente per identificare le pratiche chiave per l’apprendimento online di successo. Ecco alcune delle migliori idee di educatori di tutto il mondo, molti dei quali hanno già insegnato durante la chiusura del coronavirus.

1. Garantire l’equità digitale

L’equità è il più grande ostacolo nell’apprendimento online e la prima cosa a cui ogni scuola e ogni comunità pensare. La maggior parte delle famiglie non ha un computer per persona. Durante la chiusura della scuola, molti genitori hanno lavorato da casa, il che significa che più persone potrebbero competere per uno o due computer. Quindi, bisogna assicurarsi, con costanza periodica, che tutte le app online funzionino sui dispositivi mobili nel caso in cui un laptop non sia disponibile.

Per gli insegnanti o gli studenti che non hanno il Wi-Fi a casa, i comuni, le province, lo Stato devono capire come acquistare o affittare gli hotspot Wi-Fi e quindi avere un piano per la distribuzione sia dei dispositivi che degli hotspot. Se si è avvisati in anticipo dell’imminenza di una chiusura, le scuole potrebbero, se non lo hanno fatto prima, dovrebbero inviare dispositivi e hotspot a casa degli studenti prima della chiusura. Se un arresto si verifica improvvisamente, pianifica un orario e un luogo per il ritiro e organizza la consegna di dispositivi e hotspot a coloro che non possono raccoglierli.

Tieni presente che gli studenti che hanno piani educativi individuali (PEI) devono avere accesso alle loro piste e ai loro itinerari specifici durante la chiusura, incluso l’accesso video agli assistenti e gli accessi alle app.

2. Pratica

Le scuole che organizzano regolarmente giornate di apprendimento digitale – e hanno lavorato su problemi di connettività domestica e dispositivi – sono già in anticipo sui tempi. Ma se la tua scuola non ha gettato le basi, considera questa un’opportunità.

Gli insegnanti che non utilizzano già regolarmente un sistema di gestione dell’apprendimento, devono immergersi subito in modo che non ci siano interruzioni nella comunicazione a seguito di una chiusura improvvisa. Gli insegnanti dovrebbero formare se stessi e i propri studenti sulle app e sugli strumenti tecnologici di cui potrebbero aver bisogno in caso di chiusura. Fai pratica in classe e poi manda gli studenti a provare a utilizzare gli strumenti da casa.

Niente di tutto questo apprendimento andrà sprecato andando avanti poiché molte delle competenze apprese durante il periodo di apprendimento online saranno ugualmente utili in una classe normale.

3. Fornire aspettative chiare al personale e ai genitori

Durante una chiusura, la comunicazione tra amministratori, personale, genitori e studenti è più importante che mai.

In un ambiente online, l’ansia di tutti è alta e i canali di comunicazione devono essere frequenti, chiari e concisi.

Per le comunicazioni di quadro generale, prepara, come istituto una FAQ che delinei tutti i dettagli di come la scuola opererà durante una chiusura in modo che il personale e i genitori siano sulla stessa pagina.

Le domande frequenti dovrebbero includere:

  • dove trovare i compiti quotidiani;
  • un elenco di siti e strumenti di cui gli studenti hanno bisogno, come accedere e cosa fare se la tecnologia non funziona;
  • le aspettative dei genitori.

Ci sono molte informazioni da vivere e i genitori stanno lavorando duramente per assicurarsi che siano chiari su ciò che dovrebbero fare per supportare al meglio i loro studenti.
Oltre a pubblicare e distribuire domande frequenti, le scuole dovrebbero impostare messaggi di testo a livello di comunità per comunicare rapidamente e quindi consigliare alle persone dove trovare messaggi di follow-up tramite e-mail o sul tuo sito web.

Successivamente, prepara una guida, passo-passo, su come accedere e utilizzare gli strumenti e il programma di apprendimento online. Assicurati di presentare queste informazioni in vari formati, inclusi video e testo, e includi screenshot ed esercitazioni sullo screen casting.

Chiedere alle famiglie di assicurarsi che tutti gli studenti, specialmente gli studenti più giovani, sappiano come accedere alle app e conoscano le loro password. Gli insegnanti devono sapere come prendere la frequenza. Fornisci ulteriore supporto tecnico e assicurati che genitori e insegnanti sappiano come chiedere aiuto.

La comunicazione dovrebbe andare oltre la logistica e il mondo scolastico.

Sulla base dell’input che i nostri presidi hanno ricevuto e dell’input che abbiamo ricevuto dai nostri genitori leader, è ovvio che la flessibilità, la connessione umana e la guida per lo staff, gli studenti e i loro genitori durante questo periodo sono più importanti per l’impegno e il progresso continuo dei nostri studenti.

4. Prenditi del tempo per pianificare

Se si verifica una chiusura prima che il personale sia pronto per insegnare online, investi del tempo, anche se è solo un giorno o due, per prepararti prima di avviare l’apprendimento online con gli studenti. Il breve ritardo nell’avvio delle lezioni online ripagherà a lungo termine. Anche se la chiusura è improvvisa e non offre tempo per progettare prima che le scuole siano chiuse, è comunque prudente programmare prima di iniziare le lezioni online.

5. Prepara la borsa

Assicurati di avere accesso a tutto ciò di cui hai bisogno da casa nel caso in cui non sei in grado di tornare a scuola o portare a casa il computer della scuola e spostare i tuoi file nel cloud.

6. Stabilire programmi giornalieri

Le aspettative dovrebbero essere chiare su quando gli insegnanti e gli studenti devono essere collegati. Una giornata intera davanti a uno schermo è molto per bambini (lo è anche per gli insegnanti), specialmente per le famiglie che potrebbero condividere un dispositivo. Molte scuole scelgono due orari di check-in – una riunione mattutina e un check-in pomeridiano – e quindi consentono alle famiglie flessibilità su come organizzare l’orario scolastico a casa.

Altre scuole stanno riorganizzando l’orario scolastico, suddividendo una giornata scolastica su due giorni. Gli studenti frequentano tre lezioni al mattino e hanno i pomeriggi per lavorare in modo indipendente e interagire con gli insegnanti durante le “ore di ufficio”. Il giorno successivo, frequentano il resto delle lezioni online la mattina e poi hanno orari d’ufficio con quegli insegnanti nel pomeriggio.

A volte può essere difficile anticipare i blocchi stradali che gli studenti potrebbero dover affrontare durante la navigazione in questo nuovo territorio. Alcune scuole hanno sperimentato che gli studenti fanno fatica a trovare il tempo ogni giorno per l’istruzione specialistica, quindi hanno deciso di assegnare un giorno alla settimana per tutte le attività opzionali.

7. Fornire un apprendimento solido

In circostanze estreme come una chiusura improvvisa, è forte la tentazione per gli insegnanti di caricare fogli di lavoro da completare e restituire dagli studenti. Ma guadagnare online durante una chiusura, specialmente durante periodi di chiusura prolungati, dovrebbe essere coinvolgente almeno quanto l’esperienza in classe (se non di più) o gli studenti ne risentiranno.
L’apprendimento online non dovrebbe mai essere una scusa per assegnare un lavoro impegnativo, ma piuttosto per affrontare obiettivi di apprendimento chiari e coinvolgenti.

Bisognerebbe:

  •  Suddividere l’apprendimento in parti più piccole.
  •  Essere chiari sulle aspettative per la partecipazione online.
  •  Fornire riscontri immediati (o almeno frequente) attraverso controlli delle conoscenze online, commenti su documenti collaborativi e chat per mantenere gli studenti motivati e andare avanti.
  •  Includere riunioni virtuali, chat dal vivo o tutorial video per mantenere una connessione umana.

8. Progettare l’apprendimento indipendente

Tieni presente che i genitori potrebbero essere al lavoro o lavorare da casa e non essere in grado di aiutare molto. È importante progettare un apprendimento che non richieda molto sostegno da parte dei genitori. È anche utile fornire una guida ai genitori su come possono sostenere i propri figli in un modello di apprendimento online. Non tutti i genitori saranno in grado di farcela con la stessa facilità, specialmente quelli con bambini piccoli che non possono lavorare da casa. Una delle cose migliori che le nostre scuole hanno fatto per sostenere i genitori è stata l’ottimizzazione delle informazioni creando un unico posto per tutti gli incarichi, gli orari e le aspettative. Più si avvicinano a una lista di controllo queste risorse, meglio è.

9. Affronta il problema emotivo

Fai il check-in con studenti e colleghi, in particolare quelli che sono meno a loro agio con gli strumenti digitali, per vedere se hanno bisogno di aiuto o qualcuno con cui parlare. Essere sequestrati a casa può isolare ed esacerbare la paura di affrontare una crisi globale. Prendersi del tempo per controllare i sentimenti di ansia è importante tanto quanto controllare gli accademici. Anche se può sembrare divertente lavorare da casa, può essere difficile mantenere un programma regolare.

Alcune cose che possono aiutare includere:

  • Fai delle pause regolari.
  • Trovare il tempo per fare esercizio.
  • Segui un programma di sonno regolare.
  • Limita le distrazioni quando possibile (disattiva le notifiche sui social media, ad esempio).
  • Stabilisci obiettivi giornalieri e settimanali.
  • Trova il tempo per socializzare, anche se virtualmente.

10. Scegli gli strumenti giusti e mantienili

È disponibile un’ampia varietà di strumenti tecnologici, molti gratuiti. Con così tanto là fuori, si può essere tentati di provare a usare tutto. Limita invece il numero di strumenti, app e piattaforme in modo che gli studenti e i loro genitori non siano sopraffatti.

Potrebbe essere un po’ più difficile per gli studenti seguire i compiti in classe quando non ci sei faccia a faccia. Alcune idee per aiutare i bambini a concentrarsi sono l’uso di caratteri colorati diversi sullo schermo per aiutare gli studenti a distinguere le idee importanti. Cerca di mantenere le istruzioni online brevi, semplici e chiare. Considera l’idea di creare video istruzioni anziché testo. La videoconferenza porterà i tuoi studenti a casa l’uno dell’altro, quindi è importante considerare la privacy. Alcuni programmi permettono di sfocare lo sfondo. Vestiti come faresti per andare a scuola e aspettati che gli studenti facciano lo stesso. L’apprendimento online rappresenta anche una grande opportunità per rivedere l’etichetta digitale e integrare la cittadinanza digitale nelle attività di collaborazione online.

G Suite for Education di Google, corso aggiornato con le ultime funzioni. Iscrizione e fruizione gratuite

Stampa

Graduatorie terza fascia ATA: incrementa il punteggio con le offerte Mnemosine, Ente accreditato Miur