10 febbraio Giorno del Ricordo: “opportunità di apprendimento”. Le attività in programma nella nota ministeriale

WhatsApp
Telegram

Il 10 febbraio 1947, a Parigi, venivano firmati i trattati di Pace con i quali l’Istria, il Quarnaro, Zara e parte del territorio della Venezia Giulia furono assegnati alla Jugoslavia. Precedente l’annessione della Dalmazia. Il ministero dell’Istruzione con la nota 193 dell’8 febbraio presenta alle scuole le attività in programma.

Il “Giorno del Ricordo” è opportunità per far conoscere ai giovani una pagina a lungo rimossa della nostra storia nazionale e spiegare gli eventi nella prospettiva del periodo lungo del primo  Novecento. Nella duplice consapevolezza che non si comprende mai il presente se non si conosce il passato e che non bisogna mai usare il passato per giustificare il presente”, scrive Versari, capo dipartimento del MI.

Alcune delle diverse attività in programma:
– Partecipazione di una delegazione di scuole vincitrici del primo premio delle diverse sezioni del Concorso nazionale “10 febbraio” alla cerimonia ufficiale di Celebrazione del “Giorno del Ricordo”, trasmessa in diretta RAI alle ore 16.00 da Palazzo Madama, alla presenza del Ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi e delle più alte cariche dello Stato;

– Premiazione delle scuole vincitrici del Concorso nazionale “10 febbraio”, Milano 16 febbraio p.v., Auditorium Testori del Palazzo della Regione. Docenti e studenti, accompagnati da Lucia Bellaspiga, commenteranno brani musicali legati al tema del Ricordo del maestro Simone Libralon, potranno porre domande a Rosita e Luca Missoni, da cui saranno premiati e infine
sosterranno un breve dialogo con Stefano Zecchi su “Quando ci batteva forte il cuore…”;

– “FOIBE ed ESODO – L’Alto Adriatico tra storia e futuro”, seminario regionale organizzato in collaborazione con il Comune di Siena, presso il Complesso Museale di Santa Maria della Scala, 8 febbraio 2022;

– Seminario regionale organizzato in collaborazione con il Liceo Classico “M. D’Azeglio” di Torino il 3 marzo 2022, nel corso del quale saranno presentati gli esiti di alcune ricerche sulle Casermette, Centro Raccolta Profughi della città;

– Seminario regionale organizzato in collaborazione con il Liceo Classico “D. A. Azuni” di Sassari il 22 aprile 2022 in cui, oltre alla trattazione di Foibe ed Esodo, sarà illustrato l’Ecomuseo Egea che testimonia le vicende storiche caratterizzanti la nascita di una comunità inclusiva ed eterogenea come quella di Fertilia, cittadella in cui gli Esuli ricostruirono una piccola Istria;

– Seminario regionale organizzato con l’ISS “Vittorio Emanuele II” di Catanzaro il 28 aprile 2022, nel corso del quale studenti e docenti presenteranno gli ambienti del video premiato nell’edizione del Concorso “10 febbraio” del corrente anno scolastico;

– Primo workshop dedicato alla didattica laboratoriale del confine orientale per le scuole di ogni grado, nell’ambito di “Didacta”, 20-22 maggio 2022;

– Scuola estiva di alta formazione prevista per la seconda settimana di luglio 2022, a Gardone Riviera, presso il Vittoriale degli Italiani. Nell’occasione venti docenti avranno la possibilità di approfondire – attraverso lezioni frontali e workshop – i nodi centrali della storia del confine nordorientale italiano.

Nota

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur