1 studente su 5 ha problemi con gay

Di Lalla
WhatsApp
Telegram

comunicato Skuola.net – 1 studente su 5 avrebbe problemi se il suo migliore amico gli confessasse di essere gay. Di questi, il 12% addirittura sarebbe indeciso se rompere o meno l’amicizia, mentre più dell’8% consiglierebbe al suo amico di incontrare uno psicologo. Questo nonostante per quasi l’80% dei ragazzi l’omosessualità dell’amico non influenzerebbe il rapporto di amicizia. È quanto emerso da un’indagine del portale specializzato Skuola.net.

comunicato Skuola.net – 1 studente su 5 avrebbe problemi se il suo migliore amico gli confessasse di essere gay. Di questi, il 12% addirittura sarebbe indeciso se rompere o meno l’amicizia, mentre più dell’8% consiglierebbe al suo amico di incontrare uno psicologo. Questo nonostante per quasi l’80% dei ragazzi l’omosessualità dell’amico non influenzerebbe il rapporto di amicizia. È quanto emerso da un’indagine del portale specializzato Skuola.net.

Il suicidio del giovane 21enne avvenuto qualche giorno fa testimonia come il problema dell’omofobia sia ancora vivo tra i ragazzi. Anche se 8 studenti su 10 affermano a Skuola.net di non avere nessun problema con l’omosessualità: se il loro migliore amico confessasse di essere gay per loro non cambierebbe niente. L’amicizia resterebbe immutata e continuerebbero come se nulla fosse. “Gli amici sono amici! Per me non cambierebbe niente se un mio amico fosse gay” commenta una ragazza ai piedi dell’indagine.

La stessa cosa non può dire il restante 20% di studenti. Una buona fetta di ragazzi non riuscirebbe a far finta di niente e a continuare l’amicizia come nulla fosse. Circa il 12% , a causa del disagio, probabilmente troncherebbe il rapporto con il suo migliore amico. Più velata l’ammissione di circa l’8% dei ragazzi che afferma di voler aiutare l’amico dopo la confessione. Come? Consigliandogli uno psicologo. Sembra chiaro che la confusione regni ancora tra i banchi di scuola e che a causa di questa non pochi ragazzi vedano l’omosessualità come una malattia mentale che può essere curata.

Non manca chi prende il tema dell’omofobia ancora con poca serietà. Anzi, che addirittura usa toni di scherno nel commentare l’indagine proposta da Skuola.net: “Non gli volterei le spalle in tutti i sensi, spalle al muro amici” commenta uno studente al quale fa eco un altro che, alla domanda del portale “Se il tuo migliore amico/a ti confessasse di essere gay, come la prenderesti? Risponde “Sicuramente non in c…!”.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur