1.780 alunni in più con disabilità per l’a.s. 2018/19 in Puglia, più i posti in deroga. UIL: stabilizzare i precari e far rientrare i docenti

di redazione
ipsef

item-thumbnail

“Saranno 12.717 gli alunni in meno per il prossimo anno scolastico”.

È l’amara comunicazione che i sindacati hanno ricevuto nel corso dell’informativa sugli organici del personale docente data dall’ufficio scolastico regionale per la Puglia.

“Un fenomeno che non accenna ad arrestarsi, quello del calo vertiginoso di alunni – afferma Gianni Verga, Segretario Generale della UIL Scuola Puglia – così, ai 10.460 alunni in meno del corrente anno scolastico, si aggiungeranno 12.717 del prossimo.

Un danno socio-economico per la nostra regione che va oltre il calo demografico, rispetto al quale la politica deve urgentemente interrogarsi, intervenendo sullo stato di salute occupazionale del territorio”.

“Non è possibile – prosegue Verga – continuare ad assistere, oltre alla fuga di cervelli, anche alla continua emigrazione dal Sud del Paese e, in particolare, dalla nostra regione. Invece, in assoluta controtendenza, aumenta il numero degli alunni diversamente abili. Nell’ultimo triennio la Puglia ne conta 1.780 in più, passando da 15.838 dell’ a.s. 2014/15 a 17.618 del prossimo anno scolastico. A questi si aggiungeranno centinaia di disabilità che saranno riconosciute successivamente. Allo stato attuale, nonostante le sollecitazioni da parte della UIL Scuola, l’Assessorato regionale e la VI Commissione consiliare non hanno mosso ciglio, pur sapendo che gli 8.771 posti in organico non garantiscono la continuità didattica e che ogni anno vengono autorizzati quasi il 50% dei cosiddetti posti in deroga rispetto ai posti stabili. Quest’anno in corso ne sono stati autorizzati circa 3.600, tanti quanti sono i docenti precari e quelli che attendono di rientrare in Puglia. È ora di finirla di pensare alla scuola soltanto tramite slogan – chiosa Verga – ma è necessario intervenire con misure concrete e di vero supporto per il bene della nostra terra”.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione