TFA sostegno: oggi test accesso, con il rischio di prove suppletive per candidati con ricorso

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Il Ministero aveva inizialmente posto i test per l’accesso al corso di specializzazione per il sostegno per il 19 e 20 aprile. In seguito alle polemiche per la coincidenza con le attuali prove del concorso a cattedra 2016 e con la richiesta di un aumento dei posti, le date sono state spostate al 25 e 26 maggio.

Il test è la prima delle 3 prove da superare per accedere ai posti banditi per ciascuna università. Grazie al fatto che le selezioni sono state gestite, seppure all’interno dei due giorni indicati dal Miur, dalle singole Università, alcuni docenti hanno potuto iscriversi in più atenei per provare lo stesso test, aumentando così le possibilità di accedere al corso.

Un corso molto importante, il III ciclo TFA sostegno, perchè nel decreto attuativo della legge 107/2015 è garantito a coloro che conseguiranno il titolo entro il 30 giugno 2018 l’accesso all’iter semplificato della fase transitoria per il ruolo, al pari degli abilitati per le classi di concorso comuni.

Due giorni di test dunque, ma la partita non è da considerare chiusa. Sono in atto numerosi ricorsi, infatti calendarizzati nel corso del mese di giugno, nei quali i giudici potrebbero chiamare il MIUR ad organizzare prove suppletive, come già accaduto per il concorso a cattedra 2016.

Ad aver proposto ricorso i docenti che avevano già superato la selezione del II ciclo non ammessi in sovrannumero a differenza del ciclo precedente, ma anche gli ITP e altre tipologie di diplomati. A curare i ricorsi il sindacato Anief.

“Questa selezione per diventare docenti di sostegno doveva e poteva essere organizzata molto meglio – ricorda Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief e segretario confederale Cisal – visto che sono stati messi a bando appena 9mila posti pur in presenza di circa 50mila posti liberi.

TFA III ciclo sostegno, domani al via pre-selezione: istruzioni per la prova. Anief: posti insufficienti

Versione stampabile
Argomenti: