TFA ci sarà? Fedeli non si sbilancia, ma almeno formazione iniziale e reclutamento sono nell’Atto di indirizzo

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Non un capitolo a parte, ma un rigo dedicato nella priorità politica numero 1 (difficile capire se il numero indicherà anche l’importanza, dato che nell’incontro con i sindacati finora non ne è stato fatto cenno).

Oggi 23 dicembre il Ministro Fedeli ha pubblicato l’Atto di indirizzo concernente l’individuazione delle priorità politiche del Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca per il 2017.

Priorità politica numero uno, dicevamo ha come titolo Miglioramento del sistema scolastico: formazione iniziale/reclutamento, formazione in servizio, autonomia e valutazione.

Un capitolo enorme dunque, laddove il destino dei precari è racchiuso nella laconica frase “Ridefinire il rapporto funzionale tra formazione iniziale e reclutamento, del personale docente”.

Quando e come?

E’ certo che il Ministro si sta impegnando per chiedere una deroga all’approvazione delle deleghe (una è proprio quella del reclutamento, fase transitoria per abilitati e laureati post TFA 2014 inclusa), per cui sembra di capire che i provvedimenti non saranno imminenti.

Ma almeno nell’Atto di indirizzo le parole dedicate ai precari sono comparse.

L’atto di indirizzo completo

Versione stampabile