Spese scolastiche detraibili: tipologie e modelli. Adempimenti segreteria

di Gianlorenzo Perri
ipsef

item-thumbnail

La legge 107/2015, la così detta Buona Scuola, prevede che dal 16 luglio 2015 in poi siano detraibili dalla dichiarazione dei redditi le spese scolastiche di ogni ordine e grado.

La circolare n. 7/2017 dell’Agenzia delle Entrate chiarisce ulteriormente dando indicazioni sulle tipologie di spese che possono essere detratte.
Sintetizziamo il contenuto della circolare in maniera schematica con una particolare attenzione alle spese di istruzione non universitarie:

Al  fine  del riconoscimento dell’onere il contribuente deve  esibire  e  conservare  le  ricevute  o quietanze di pagamento recanti gli importi sostenuti a tale titolo nel corso del 2016.

Le spese sostenute per la mensa scolastica possono essere documentate mediante la ricevuta del bollettino postale o del bonifico bancario intestata al soggetto destinatario del pagamento – sia esso la scuola, il Comune o altro fornitore del servizio – e deve riportare nella causale l’indicazione del servizio mensa, la scuola di frequenza e il nome e cognome dell’alunno.

Se per l’erogazione del servizio è previsto il pagamento in contanti o con altre modalità (ad esempio, bancomat) o l’acquisto di buoni mensa in formato cartaceo o elettronico, la spesa potrà essere documentata mediante attestazione, rilasciata dal soggetto che ha ricevuto il pagamento o dalla scuola, che certifichi l’ammontare della spesa sostenuta nell’anno e i dati dell’alunno o studente. L’attestazione e la relativa istanza sono esenti dall’imposta di bollo, purché indichino l’uso per il quale sono destinati.

DOCUMENTAZIONE DA CONTROLLARE E CONSERVARE

È importante precisare che il contribuente deve richiedere la delibera nel caso in cui il versamento della somma sia stato depositato direttamente all’ente terzo (nel caso per esempio di una gita scolastica, all’agenzai di viaggi)

In caso di versamento di somme in contanti la segreteria dovrà rilasciare un documento sottoscritto dal Direttore Generale dei Servizi Amministrativi – DSGA – avente determinate caratteristiche, come da modello allegato.

Scarica il modello

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief