Smartphone a scuola, Fedeli: non confondere contenuti e strumenti, guidare ragazzi ad uso consapevole

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Il Ministro Fedeli è intervenuto ancora su quello che è ormai diventato il tormentone di questi ultimi giorni, ossia l’uso dello smartphone a scuola. 

La Fedeli ha fatto chiarezza affermando, come riferito dall’Ansa, che non bisogna fare confusione tra contenuti e strumenti per apprenderli.

Dei contenuti, ha puntualizzato il Ministro, se ne deve fare carico la scuola, compresi quelli che vanno in rete, scuola che deve guidare i ragazzi nella scelta degli stessi, facendo loro capire che “non bisogna fermarsi alla prima cosa che si legge”.

Quanto allo smartphone, l’uso non deve essere libero e personale ma guidato dal docente.

Versione stampabile
anief anief