Scuola: i danni maggiori del Governo Renzi li hanno subìti gli ATA

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Dopo la sconfitta del SI al Referendum è iniziata l’analisi del motivo di una così eclatante sconfitta elettorale.

Quasi tutti concordi nell’indicare al primo posto i guai e gli errori fatti dalla L.107/15 nella scuola (cosiddetta sic. “buona scuola”).

Molti associano in modo affrettato quindi la debacle proveniente dal mondo dell’Istruzione come la vendetta dei “prof.”. dimenticando che i danni maggiori nel mondo della scuola sono stati subìti dal personale ATA, categoria assolutamente sconosciuta negli articoli della legge 107/2015.

Se i docenti hanno dovuto subire gli errori dell’algoritmo nei trasferimenti con lo “sballottamemto” tra le varie regioni italiane, il personale ATA ha subìto solo paurose decurtazioni di migliaia di posti di lavoro, lo stop alle supplenze, e neanche un euro di riconoscimento rispetto a quanto è stato dato al corpo docente (bonus premiale,,bonus formazione etc.) In cambio sulle spalle del personale ATA però sono stati scaricati ulteriori compiti e mansioni e neanche un euro per aggiornarsi.

Ma altro errore madornale dei giornalisti “che hanno memoria corta “ è che dimenticano che il Referendum è stato l’occasione per vendicarsi dei soprusi subìti da parte dei 70.000 lavoratori ATA-ITP (ex EE.LL.) che dall’anno 2000 (data di transizione allo Stato) sono ancora in attesa del riconoscimento dell’anzianità maturata nell’Ente Locale di provenienza riconosciuta dalla legge 124/99 e poi negata successivamente con un clamoroso voltafaccia dai governi succedutosi successivamente (Berlusconi l.266/2005).

Tutti dimenticano che 70.000 famiglie degli ATA-ITP ex EE.LL.aspettano ancora giustizia per i loro diritti scippati dalla giustizia nazionale ma riconosciuta da ben quattro sentenze delle Corti di Giustizia Europee.

Il governo Renzi ha completamento voluto ignorare le richieste pressanti di giustizia pervenute dai Comitati che li rappresentano, eppure negli anni addietro proprio i rappresentanti del PD (On.Ghizzoni, On. Malpezzi, On.Puglisi, On. De Pasquale oggi Dirigente MIUR hanno espresso pubblicamente tramite interventi in piazza ed interrogazioni parlamentari, solidarietà ed impegni per la risoluzione.

Scriveva una testata giornalistica intanto “un fantasma si aggira per i tribunali”.
Quel fantasma che ha appesantito tante corti di giustizia italiane , ed ora anche Europee, è rappresentato appunto dalle migliaia di ricorsi portati avanti con giusta caparbietà da migliaia di ricorrenti , che, non esistano a scaricare la loro rabbia ad ogni tornata elettorale.

Intanto proprio in questa settimana ancora due Assemblee Nazionali che si svolgeranno a Milano il 13 dicembre e Firenze il 16 dicembre organizzate sempre dal Comitato
Nazionale ATA-ITP ex Enti Locali per rilanciare ancora migliaia di ricorsi legali.

Un Governo serio affronta i problemi per venirne a risoluzione, né può nascondersi davanti alla scusa della crisi economica “smontata” dalla disponibilità dei lavoratori interessati disponibili anche a miti pretese purché si riconoscano i diritti loro scippati.

In definitiva il mondo della scuola è una polveriera alimentata dalla problematica docente che va ad alimentare un potenziale esplosivo che esiste già da un decennio rappresentato dalla bomba ATA-ITP dei 70.000 lavoratori che aspettano ancora giustizia.

Comitato Nazionale ATA-ITP ex Enti Locali

Il Coordinatore Nazionale
Vincenzo Lo Verso

Il Presidente
Antonio brunaccini

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief