Scuola digitale, MIUR: smartphone in classe per scopi didattici, 10mln per connettività e autoproduzione materiali digitali

di redazione
ipsef

Sono alcune delle iniziative che il Ministero sta mettendo in campo per l'avvio del piano della scuola digitale.

Sono alcune delle iniziative che il Ministero sta mettendo in campo per l'avvio del piano della scuola digitale.

Sono pronti 10mln di euro per il potenziamento della connettività delle scuole, cui seguirà anche quello dei laboratori digitali per il primo ciclo.

La scuola primaria sarà investita, inoltre, di azioni mirate al potenziamento dell'uso del registro elettronico per tutte le 141.000.

Il Ministero, inoltre, emanerà un regolamento sul Bring Your Own Device” per consentire agli studenti di portare a scuola i propri strumenti, incluso lo Smartphone per scopi didattici. Linee guida saranno emante anche sulla dotazione software e sulla sicurezza informatica.

Finanziamenti confluiranno anche nel sito sito istituzionale del MIUR con lo scopo di traformarlo nel portale unico di accesso per tutti gli utenti.

Attenzione anche allo sviluppo del profilo digitale di studenti e docenti (allineamento con la card), cioè il “fascicolo” personale digitale;

Novità anche in ambito didattico, con linee guida per l´autoproduzione dei contenuti digitali, così da promuovere le buone pratiche delle scuole.

In particolare, saranno formalizzati 20/30 scenari didattici digitali, dal più semplice al più complesso, che i docenti potranno realizzare in classe, così da coinvolgere sempre più scuole.

Per quanto riguarda la formazione, il MIUR organizzerà un corso di formazione all´estero per 1000 docenti e dirigenti scolastici in università e centri di ricerca d´eccellenza.

Il Governo, inoltre, punterà ad un coinvolgimento delle Regioni per lo sviluppo delle competenze digitali, che sarà realizzato anche attraverso un archivio delle buone pratiche delle scuole dal quale attingere e condividere.

Versione stampabile
anief anief