Revisione Testo Unico Pubblico Impiego, Sindacati: non ci sono condizioni per rinnovo contratti

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Il 19 aprile u.s., i sindacati sono stati ascoltati dalla XI commissione del Senato (lavoro Pubblico e Privato) sullo schema del decreto legislativo proposto dalla Ministra Marianna Madia di modifica del Testo Unico sul pubblico impiego, ossia il D.Lvo n. 165/2001.

Dai resoconti sindacali, apprendiamo che le OO.SS. hanno evidenziato il fatto che il summenzionato schema di decreto è alquanto lontano dall’accorso del 30 novembre 2016 sul rinnovo dei contratti pubblici, che prevede un riequilibrio del rapporto tra legge e contratto.

Nello schema di decreto, infatti, permane lo squilibrio a favore della legge, come testimonia ad esempio l’articolo dedicato al trattamento economico che riserva una parte di retribuzione alla performance, sottraendola dunque alla contrattazione.

Le OO.SS., inoltre, hanno videnziato la necessità di stanziare maggiori risorse per il rinnovo dei Contratti.

Così commenta la Flc Cgil:  “Se con l’attuale normativa si aprissero subito i tavoli negoziali mancherebbero i presupposti per rinnovare i contratti secondo le coordinate fissate dall’accordo politico del 30 novembre 2016 che individua il lavoro pubblico come una risorsa strategica per il Paese.”

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief