Professione docente … meglio fare il fattorino! Lettera

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Il diciassette luglio millenovecentocinquantasette ( 17 – 7 – ’57 ),come fattorino addetto al recapito, all’età di 16 anni, recapito il primo telegramma a Catania in località Canalicchio alle pendici dell’Etna.

Mi guadagno una mancia di cinquanta lire. Le spendo subito in una bottega di generi alimentari.

Mi danno un bel pezzo di “vastedda” di pane e circa due etti di olive che nuotano nell’olio.

Il primo stipendio era di circa trentamila lire.

Dopo due anni, con indennità varie, sfioravo le cinquantamila. Mi informo sulle condizioni dei fattorini e sul costo della spesa oggi.

Mi si dice che per comprare quel pane e quelle olive oggi ci vogliono tre euro.

Apprendo che un fattorino guadagna circa mille euro al mese. Un maestro poco più, così come un farmacista dipendente. Un professore della scuola secondaria, mediamente 1.400 euro.

Ho l’impressione che come fattorino non stessi poi tanto male!

E’ così?

Ah, saperlo!

Adolfo Valguarnera

Versione stampabile
anief anief