PNSD. A Bergamo si è svolta la prima edizione degli Stati Generali della Scuola Digitale

di redazione
ipsef

Giovedì 26 maggio  la Fiera di Bergamo ha ospitato gli Stati Generali della Scuola Digitale, promossi per condividere e mettere a fattor comune le più significative esperienze in atto nella scuola italiana, ad un anno dal lancio del Piano Nazionale della Scuola Digitale (PNSD) da parte del Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca (MIUR). 

Giovedì 26 maggio  la Fiera di Bergamo ha ospitato gli Stati Generali della Scuola Digitale, promossi per condividere e mettere a fattor comune le più significative esperienze in atto nella scuola italiana, ad un anno dal lancio del Piano Nazionale della Scuola Digitale (PNSD) da parte del Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca (MIUR). 

L’evento è stato organizzato da: Comune di Bergamo, Ufficio Scolastico Territoriale di Bergamo, Fondazione TIM e l’Associazione Centro Studi ImparaDigitale, in collaborazione con Ente Fiera Promoberg e Associazione BergamoScienza, e con il Patrocinio della Provincia di Bergamo.

L’iniziativa ha consentito di dare una prima valutazione sui risultati del Piano Nazionale Scuola Digitale, e di individuare azioni volte a modificare gli ambienti di apprendimento attraverso l’integrazione delle tecnologie nella didattica, secondo gli assi di lavoro: strumenti, competenze e contenuti, formazione.  Il miglioramento tecnologico, da considerare come possibilità per instaurare nuove relazioni con attori territoriali, ha permesso all’istituzione scolastica di connettersi alla comunità civile e al mondo produttivo e lavorativo.

E’  stata richiesta la partecipazione di tutti i dirigenti scolastici degli istituti statali e paritari della provincia di Bergamo, della Regione Lombardia e degli animatori digitali, ma l’invito è stato rivolto a tutti i docenti che si avvalgono delle nuove tecnologie non solo della Regione Lombardia.

Al mattino si sono svolti seminari tenuti da esponenti delle Istituzioni locali e nazionali esperti del mondo digitale. Nel pomeriggio si sono tenute sessioni di approfondimento con la presentazione e il confronto reciproco riguardo specifiche esperienze.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief