Pensione di vecchiaia per il prossimo triennio 2016/2018. Normativa di riferimento per il pensionamento forzato

di redazione
ipsef

Riportiamo le ultime risposte dei nostri consulenti nella rubrica "Chiedilo a Lalla". Ricordiamo che per le istituzioni scolastiche abbiamo approntato un canale di consulenza gratuita e con risposta garantita.

Riportiamo le ultime risposte dei nostri consulenti nella rubrica "Chiedilo a Lalla". Ricordiamo che per le istituzioni scolastiche abbiamo approntato un canale di consulenza gratuita e con risposta garantita.

Normativa di riferimento per il pensionamento forzato

Dirigente Scolastico  – Si prega di fornire un cortese riscontro al quesito in allegato. Si chiede di conoscere se la docente può essere collocata a riposo d’ufficio avendo superato i 65 anni di età e con più di 20 anni di contribuzione. Inoltre si prega di indicare, anche attraverso un prospetto esemplificativo, in quali casi i Dirigenti Scolastici devono collocare a riposo il personale scolastico d’ufficio.

Pensione di vecchiaia per il prossimo triennio 2016/2018

Laura  – Mi chiamo Laura sono una collaboratrice scolastica che dovrebbe andare in pensione di vecchia nell’agosto del 2017.essendo nata il 21 gennaio 1951. Ora sono molto preoccupata perchè sono stati aggiunti 4 mesi, questo per me significherebbe un anno di più cioè il 2018. Vorrei chiedere se è vero e poi se eventualmente si potrebbe uscire con una penalizzazione di 4 mesi nell’agosto del 2017. Confido in una vostra risposta e vi ringrazio anticipatamente.

Requisiti per il pensionamento previsti dalla L. 214/2011

Docente   – Sono un insegnante itp nato il 21/02/1952 alla data del 31/12/2016 avrò compiuto 41 anni 9 mesi e 15 giorni di servizio quando potrò andare in pensione?  a questo punto conviene aspettare la pensione di vecchiaia? cioè  66 e 7 mesi  ma raggiunti al 31/12/2018?

Pensionamento a domanda con decorrenza 1/9/2018

Nadia    – buon giorno, sono un’insegnante di scuola di secondo grado (nata il2/09/1954); al 31/12/2014 mi è stato calcolato un periodo lavorativo di 37 anni 5 mesi e 9 giorni; vorrei sapere quando potrò andare in pensione, tenuto conto che ho preso un congedo parentale senza assegni negli anni 1991, 1992, 1993, di circa 198 giorni, di cui ho chiesto all’INPS il riscatto un anno fa, ma non ho ottenuto risposta. Se facessi oggi la domanda per l’opzione donna, di quanto verrei penalizzata? E quale potrebbe essere invece la pensione regolare, se non ci saranno cambiamenti? Vi ringrazio moltissimo.

Requisiti previsti per la pensione anticipata per gli uomini

Marcello  – Buongiorno, Sono un docente della scuola secondaria di 1 grado nato il 18/04/1960 e con il conseguimento di 35 anni di servizio al novembre 2015. Essendo stato riconosciuto dall’ inps invalido civile con 80% dal mese di giugno del 2015, desidero sapere quando potrò fare domanda di pensione e quali saranno i diritti economici che avrò maturato all’atto della istanza della domanda. Grazie anticipatamente e cordiali saluti

Pensione di inabilità

Giuseppe  – Vorrei conoscere l’iter da seguire per chiedere la pensione anticipata per motivi di salute avendo già 61 anni di età e quasi 38 anni di contributi. Che penalizzazione avrei sull’ importo mensile della pensione. Distinti saluti.

Raggiungimento del requisito per la pensione anticipata

Giuseppe – Gent.mi consulenti di orizzonta scuola, vorrei informazioni sulla possibilità di pensionamento per me più vicina e vantaggiosa. Nato il 08/11/1955, docente di Scienze Motorie Scuola Secondaria di secondo grado. In ruolo con decorrenza giuridica dal 01/09/84. Riconoscimento pre-ruolo e università di 8 anni. Con l’anno in corso secondo i miei calcoli sino al 31/08/2016 maturo 40 anni di anzianità ( inclusi gli anni del corso di studio universitario). Ho riscattato (totalizzazione) 1anno di contributi di lavoro all’estero A Dicembre 2014 a causa di una coronopatia ostruttiva critica plurivasale sono stato sottoposto a un intervento chirurgico di rivascolarizzazione miocardica. A marzo 2015 dalla apposita Commissione medica operante presso l’Azienda ASL di residenza mi è stata riconosciuta un’invalidità pari al 67%. Vorrei andare in pensione in quanto, essendo insegnante di Scienze Motorie ed essendo la mia salute compromessa,non sono in buone condizione fisica per svolgere la mia professione. Le chiedo quando potrò andare in pensione anticipata, e se è’ necessario che faccia domanda anticipata o sarà il Miur ad invitarmi a produrre i documenti? Ringrazio anticipatamente per la Vs. cortese disponibilità.

Situazioni previdenziali da indicare nei certificati di servizio!

Antonella  – Gentilissimi, sono un’A.A. persa nei meandri delle situazioni previdenziali da indicare nei certificati di servizio!!! Cercando su internet ho trovato tutto e il contrario di tutto, per cui vorrei chiedervi una delucidazione, un’indicazione che mi chiarisca quale codice va inserito per il personale supplente e per il personale di ruolo. Vi ringrazio tantissimo.

Chiedilo a Lalla

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief