formazione docenti

edises

Conseguenze rifiuto proroga da salvaprecari

ipsef

Maria - Gent.ma Lalla ti ho scritto tempo fa per questo quesito , ma è scoppiato un vero putiferio in una scuola. Ora mi spiego: la rinuncia ad una proroga di contratto, per una supplenza data dalle GI (1 rifiuto) non comporta sanzioni secondo art.8 del regolamento delle supplenze, mi scrivesti inoltre che non esistevano sanzioni neanche per il salva precari; ho fatto presente ciò e la segreteria di un liceo ha minacciato il depennamento dagli elenchi prioritari ...... ma non valeva la stessa normativa ? mi puoi per cortesia citare la normativa di interesse nel caso non si accettasse la proroga e relative conseguenze sugli elenchi prioritari ? ancora una volta grazie di cuore.

Lalla - gent.ma maria ho letto la risposta che mi hai indicato e ho capito qual è il problema

Nella domanda che mi facevi mi indicavi che una collega aveva una supplenza conferita da GI fino al 21 dicembre e che il 22 avrebbe voluto rifiutare la proroga. mi chiedevi se ciò era possibile e se questo aveva riflessi sul salvaprecari, nel quale la collega risultava inserita.

Io ti ho risposto che è possibile in quanto si tratta del primo rifiuto, non sanzionabile in base all'art. 8 del regolamento delle supplenze, e ti ho detto anche che questo rifiuto (quello legato a questa supplenza fino al 21 dicembre) non avrebbe avuto effetti sul salvaprecari, nel quale lei continuerebbe ad essere inserita anche rifiutando questa supplenza, trattandosi del rifuto di una supplenza breve.

Non ho detto che sia possibile rifiutare la proroga di una supplenza conferita da salvaprecari (la normativa è diversa), in quanto questo è effettivamente sanzionabile se il docente non ha un valido motivo giustificabile ed è completamente inoccupato.

il dm 92/11 afferma: "2)La rinuncia immotivata o senza giustificato motivo a una proposta di contratto comporta la decadenza dal diritto ad essere interpellato per ulteriori proposte di contratto secondo le procedure di cui al presente decreto, la conseguente perdita del diritto all’attribuzione del punteggio relativo all’anno scolastico, salvo il diritto all’attribuzione di quello maturato in ragione del servizio effettivamente svolto, nonché la perdita del diritto all’indennità di disoccupazione di cui all’art. 1 quinquies del decreto legge 5 ottobre 2004, n. 249, convertito con modificazioni dalla legge 3 dicembre 2004, n. 291, eventualmente percepita."

Credo dunque che la segreteria abbia ragione, a meno che non ci si possa svincolare in base alla disoccupazione percepita:

"3) E' consentito rifiutare la stipula di contratti di supplenza che diano diritto a un trattamento stipendiale inferiore all’indennità di disoccupazione al momento spettante.
Ad esempio: nel caso l’indennità di disoccupazione sia fissata al 60% della retribuzione percepita per orario intero nell’anno scolastico precedente, si possono rifiutare, nella scuola secondaria di I e II grado sino a 10 ore, nella scuola dell’infanzia e nella scuola primaria, fino a 14 ore e, per il personale ATA, fino a 21 ore."

Ti invito a leggere le nostre FAQ su assegnazione supplenze da Salvaprecari, in  cui escludiamo si possa rifiutare una supplenza da Salvaprecari se totalmente inoccupati.

Versione stampabile
anief
rss facebook twitter google+
anief
formazione docenti
formadocenti italia scuola


In evidenza