Giovedì, 26 Maggio 2016

mnemosine
SERVIZI
SPECIALI ESPANDI

Titoli per concorso a cattedra: per così tanti punti al dottorato, pretendiamo almeno che sia specifico per la classe di concorso. Lettera

di redazione
ipsef

Albano Squizzato - Spet.le Redazione di Orizzonte Scuola,ho appena letto l'intervista al dott. Bagni, in cui si mette in evidenza la disparità di punteggio tra dottorato e anni di servizio.

A tal proposito, vorrei ulteriormente evidenziare una cosa: al punto B.5.1 della tabella di valutazione dei titoli, dove si parla appunto di dottorato, non è specificato che il dottorato debba riguardare la classe di concorso in cui si è abilitati.

Per esemplificare, da ingegnere potrei insegnare Fisica (classe di concorso A038) e possedere un dottorato di ricerca in materie non inerenti la Fisica - ad esempio Architettura, Topografia, Ingegneria Sanitaria Ambientale ecc. - ma che mi darebbe ugualmente diritto ai 5 punti.

Pertanto, se la norma rimane così com'è, il possesso del titolo (dottorato) non garantisce una maggiore conoscenza della materia per la quale si concorre. Inoltre, considerato che il punteggio che viene attribuito a tale titolo è di gran lunga superiore al punteggio riconosciuto a qualsiasi altro titolo posseduto, tale scelta è altamente discriminante.

Tale discriminazione si evidenzia ulteriormente guardando i punti B.5.10, C.1.1 e C.1.2 che devono essere "specifici per la classe di concorso".

In definitiva, sarebbe opportuno che la tabella di valutazione dei titoli fosse corretta al punto B.5.1, inserendo la puntualizzazione che il dottorato deve essere "specifico per la classe di concorso".

Vogliate gentilmente mettere in luce questo aspetto.

Versione stampabile
anief anief
anief mnemosine eiform


In evidenza