Visualizza versione mobile

Giovedì, 28 Luglio 2016

mnemosine
SERVIZI
SPECIALI ESPANDI

Stabilizzazione docenti impiegati nei Licei Musicali e Coreutici. Lettera

di admin
ipsef

Al Ministro dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, prof.ssa Stefania Giannini. Al Direttore Generale per il personale scolastico, dott.ssa Maria Maddalena Novelli

Gentile Ministro, Gentile Direttore Generale,

sin dalla loro istituzione, (a.s. 2010/11), i Licei Musicali e Coreutici hanno svolto la loro funzione per il costante impegno di docenti di ruolo e non che, in possesso di specifici titoli di studio e di diverse abilitazioni, per di più con alle spalle anni di servizio specifico (anche presso gli ex licei musicali sperimentali), hanno generato una scuola che semplicemente prima non esisteva.

Hanno cioè costruito una scuola che non aveva precedenti in Italia e che si discostava notevolmente nelle finalità formative, negli obiettivi e nei criteri didattici dai vecchi Conservatori di Musica e dai più nuovi Istituti AFAM.

Quei docenti costituiscono oggi il cuore pulsante dei Licei musicali e ne garantiscono, da allora, il funzionamento.

Una incessante formazione professionale, svolta con notevole dispendio di energie e risorse economiche proprie, ha caratterizzato questi aa.ss., così come la costante ricerca del miglioramento dell'offerta formativa. Ciò ha consentito una notevole produzione di eventi culturali che ha coinvolto studenti, famiglie e territori con risultati che sono sotto gli occhi di tutti ( premi ed articoli di stampa né sono testimonianza).

Sono i docenti che hanno contribuito in modo sostanziale alla definizione delle modalità di espletamento degli esami di Stato,(e che anche quest’a.s. si ritroveranno commissari d’esame per poi a settembre essere esautorati dalla cattedra: un paradosso !), i cui confortanti risultati, uniti al successo degli alunni che hanno scelto di proseguire gli studi musicali AFAM, superando il relativo esame di ammissione, sono la garanzia circa la validiità del loro operato.

Bandire un concorso a cattedra per i posti occupati da quei docenti (al quale gli stessi non possono partecipare perché nella maggior parte dei casi si tratta di docenti di ruolo nella Scuola Media) è non solo ingiusto e mortificante di per sé, ma è anche, e soprattutto, deleterio per i Licei musicali che vedranno polverizzarsi quelle competenze affinate sul campo: in particolare degli insegnanti di Storia della musica (nuova classe di concorso A-53), Strumento musicale nel II grado (cdc A-55), Tecnologia musicale (cdc A-63) e Teoria, analisi e composizione (cdc A-64).

Se La Buona Scuola è la scuola anche del Buon Senso, che premia il merito allora è questo il momento di premiare i docenti che hanno avuto il merito di far nascere e condurre per mano nei suoi primi passi il Liceo musicale; e questa volta non stiamo parlando di richieste di carattere economico !

La stabilizzazione dei docenti che, dal 2010 in poi, attualmente insegnano nei Licei musicali darebbe un assetto definitivo ai LM senza nulla togliere, in termini numerici, ai partecipanti al concorso. Infatti i docenti utilizzati nei LM stabilizzati con passaggio di cattedra \ruolo lascerebbero intere cattedre presso le SMIM (strumento musicale ex A077) ed in alcuni casi cattedre di A032.

Che i Licei Musicali vengano privati delle professionalità che li hanno costruiti, e che migliaia di studenti si trovino improvvisamente senza i loro docenti, interrompendo un percorso di formazione che in alcuni casi (classi quarte e quinte) è nella fase conclusiva, appare ingiustificata, mortificante e lesiva di diritti degli studenti e dei docenti.

Pertanto auspichiamo con urgenza un intervento normativo,( mobilità professionale) prima del concorso, volto a consentire a quanti sono di ruolo (e quindi ovviamente abilitati nelle vecchie classi di concorso A031 o A032 o A077) è hanno titolo ad accedere alle nuove classi di concorso A-53 Storia della musica; Strumento musicale nel II grado (cdc A-55), Tecnologia musicale (cdc A-63) e Teoria, analisi e composizione (cdc A-64) di chiedere il passaggio di cattedra \ ruolo nei licei musicali.

Quanti sono abilitati ma non di ruolo potranno invece partecipare al concorso a cattedre.

Pertanto i docenti dei LM chiedono di poter essere stabilizzati e continuare serenamente il lavoro svolto presso il proprio liceo evitando il fallimento del lavoro fin qui svolto venendo a mancare coloro che hanno costruito e fatto crescere i LMC e precludendo agli stessi il diritto alla carriera.

I Docenti dei Licei Musicali

Versione stampabile
anief anief
anief mnemosine eiform


In evidenza