Venerdì, 27 Maggio 2016

mnemosine
SERVIZI
SPECIALI ESPANDI

"Sostegno non un'ora di meno". I tribunali restituiscono le ore tagliate dagli Uffici Scolastici

di redazione
ipsef

Anief  - Il Tribunale Civile di Frosinone accoglie le tesi ANIEF e concede in via cautelare a un alunno disabile di una scuola della provincia, l’assegnazione del corretto monte ore di sostegno didattico nel rispetto delle determinazioni riportate nel Piano Educativo Individualizzato.

Marcello Pacifico: “La soddisfazione vera per tutti noi è sapere che, con la nostra iniziativa, tuteliamo i diritti dei nostri figli più deboli che il Ministero dell’Istruzione sembra voler dimenticare”.

L’Ordinanza cautelare, ottenuta in questi giorni dall’ANIEF, risulta lapidaria nel constatare che “è indubbio che l’assegnazione di un insegnante di sostegno al minore per sole 5 ore settimanali, rispetto alle 10 indicate nel PEI predisposto dalla scuola, costituisce comportamento lesivo dei diritti del piccolo” e che “non sono necessarie estese motivazioni per dar conto dell’esistenza del periculum in mora, atteso che il mancato godimento della necessaria attività didattica di sostegno induce a presumere il pericolo di grave ed irreparabile pregiudizio per il minore Omissis sotto il profilo partecipativo ed evolutivo, sia per le possibili conseguenze in termini di regresso psico-fisico, sia per la possibile emarginazione della sua persona da un’indispensabile struttura di integrazione socio-educativa qual è la scuola primaria”.

L’Anief, che per il secondo anno consecutivo ha promosso con successo l’azione giudiziaria per tutelare i diritti degli alunni in situazione di handicap certificato cui il Ministero dell’Istruzione non aveva riconosciuto il giusto apporto dell’insegnante di sostegno, esprime piena soddisfazione per il risultato ottenuto e un sentito ringraziamento agli Avvocati Walter Miceli e Ida Mendicino - che si sono assunti il compito di coordinare le azioni legali che il nostro sindacato ha patrocinato in tutta Italia - e ai legali ANIEF sul territorio che hanno sposato la causa e prestato la propria professionalità a titolo gratuito per le famiglie, come è avvenuto in questo caso grazie all’ottimo Avv. Dolores Broccoli che ha patrocinato i diritti del piccolo alunno di Frosinone con estrema professionalità e partecipazione, ottenendo giustizia e rispetto per le sue difficoltà.

“La soddisfazione per aver ottenuto questo successo è da condividere con tutti i legali e i collaboratori ANIEF che si sono impegnati per la riuscita dell’iniziativa ‘Sostegno, non un’ora di meno!’ – conclude il Presidente ANIEF Marcello Pacifico - e un ringraziamento particolare da parte di tutti noi va alla nostra responsabile nazionale per il sostegno Dott.ssa Elena Duccillo, che da anni si impegna con noi e ha curato in modo mirabile il contatto e la consulenza alle famiglie degli alunni in difficoltà che ci hanno chiesto aiuto”. 

Versione stampabile
anief anief
anief mnemosine eiform


In evidenza