Visualizza versione mobile

Mercoledì, 31 Agosto 2016

mnemosine
SERVIZI
SPECIALI ESPANDI

Servizio all'estero svolto da docente precario, spetta l'assegno di sede

di redazione
ipsef

La Corte d'Appello di Roma riconosce il diritto dei docenti precari all'estero di ricevere integralmente l'assegno di sede.

Dopo le decisioni del Tribunale di Roma e del Tribunale di Torino, arriva la conferma dalla Corte di Appello di Roma, che in una recente sentenza del 14.01.16, ha integralmente accolto l'appello di una docente precaria all'estero alla quale il Tribunale di Roma aveva negato il riconoscimento integrale dell'assegno di sede.

La Corte d'Appello, in riforma della sentenza di primo grado, accogliendo tutte le argomentazioni difensive dell'avv. Domenico Naso del foro di Roma, ha accertato e dichiarato il diritto dell'appellante al riconoscimento dell'assegno di sede previsto dall'art. 658 del D. Lgs. n. 297/94 e, successive modificazioni, in misura integrale al servizio prestato ed alla sede di servizio e, per l'effetto ha condannato il Ministero degli Affari Esteri, in persona del Ministro p.t., al pagamento della complessiva somma di € 47.166,40 .

L'avv. Naso afferma che la pronuncia rappresenta un importante precedente giurisprudenziale che conferma le decisioni dei Tribunali e riconosce quello che da sempre è stato sostenuto, ossia che non vi sono ragioni obiettive per una disparità di trattamento fra i docenti precari e a tempo indeterminato sul diritto a percepire integralmente l'assegno di sede.

Versione stampabile
anief anief
anief mnemosine eiform


In evidenza