Venerdì, 27 Maggio 2016

mnemosine
SERVIZI
SPECIALI ESPANDI

Scuola: inutilità dispendiosa del Concorso prossimo venturo. Lettera

di redazione
ipsef

Antonio Deiara - L’Italia è un paese che vanta almeno 40 milioni di allenatori di squadre di calcio e un pari numero di ministri dell’istruzione. In sintesi, un pencolamento di massa tra ignoranza e mito.

Ciclicamente viene evocato dal Ministro dell’ Istruzione di turno il potere taumaturgico del “Concorso”. La Scuola diventerà “Buona” perché si sceglieranno i docenti “migliori”. Il mito del “bravo docente vincitore di Concorso” opposto al precario che pretende il ruolo dopo aver insegnato appena dieci o trent’anni...

Nell’assoluta mancanza di progettualità seria da parte dei Governi che si sono succeduti dal 1992 ad oggi, una perla è rimasta celata in un’ostrica ostica: il “Biennio Formazione Docenti”.

Appartengo all’Epoca Pre-isterica, quando si veniva scaraventati in classe senza alcuna formazione psicopedagogica e didattica.

Ci facevamo guidare dai colleghi anziani. Molti “vincitori di Concorso” si ritrovavano dietro la cattedra privi di una giornata una di esperienza didattica e presumevano di non aver bisogno degli altri. I risultati erano devastanti.

Ho lavorato per quattro anni accademici in qualità di supervisore del tirocinio al “BiForDoc” del Conservatorio. I nostri 45 tirocinanti trascorrevano le giornate tra lezioni di psicopedagogia e didattica e attività in classi vere col tutor o in aula con noi supervisori. I risultati sono stati eccellenti: abbiamo nuovi professori di strumento musicale e di musica in grado di gestire la scolaresca o il gruppo-classe, sviluppare un progetto didattico ed attuare interventi individualizzati. Urge una nuova norma che ripristini questa “buona pratica”, l’unica che abbia “prodotto” docenti pronti a lavorare in classe con le competenze necessarie.

Aprire i Concorsi ai nuovi laureati, esclusi i titolati in ambito psicopedagogico e didattico, equivarrebbe a “scaraventare” nuovamente nelle aule un elevato numero di persone prive delle competenze necessarie alla gestione della classe e alla strutturazione di progetti educativi e didattici vincenti. Far ripetere il Concorso ha chi lo ha già superato per poter acquisire una formazione pedagogico-didattica certificata da docente del Terzo Millennio, significherebbe sperperare un fiume di denaro pubblico che si potrebbe utilizzare in modo costruttivo per avviare la rinascita del “Biennio Formazione Docenti”.

Versione stampabile
anief anief
anief mnemosine eiform


In evidenza