Venerdì, 01 Luglio 2016

mnemosine
SERVIZI
SPECIALI ESPANDI

Riforma classi di concorso: apre le porte a concorso e TFA. Giannini: semplificare, adeguare, innovare

di redazione
ipsef

Conferenza stampa del Premier accompagnato dai Ministri Giannini e Madia per la presentazione della riforma delle classi di concorso approvata ieri sera in Consiglio dei Ministri.

In attesa di leggere il documento finale, facciamo riferimento a quanto comunicato dal Ministro "La riforma delle classi di concorso è un provvedimento "circoscritto ma importante" perché consente di accedere alla selezione di insegnanti che partirà a breve."

I criteri sui quali si è basata la riforma - attesa da 6 anni - sono stati semplificare, adeguare, innovare.

  • Semplificare perché nel tempo si sono stratificate classi distinte che non avevano più senso: da 168 si passa adesso a 116 classi di concorso, comprese le nuove
  • Adeguare perché l'università dal '99, anno di nascita delle attuali classi, è cambiata
  • I innovare perché anche la scuola è cambiata con la riforma delle Superiori del 2010 che ha introdotto nuovi indirizzi come il liceo musicale-coreutico

I precari naturalmente sono in attesa del provvedimento, che dovrà spiegare anche come gestire la fase transitoria.

Riforma classi di concorso: ok dal Consiglio dei Ministri. Torna la laurea in Scienze Politiche, nasce L2 per italiano agli stranieri, si accorpano molte discipline

Riforma classi di concorso. Laureati in Scienze Politiche potranno insegnare discipline giuridiche, laureati in Ingegneria matematica e Scienze nella scuola media

Riforma classi di concorso. Quando i docenti di Trattamento Testi saranno tutti in pensione, chi entrerà in classe?

Concorso a cattedra. I docenti di infanzia inseriti in GaE e GM devono sperare in un ritardo. Turi (UIL): Gae regionali? Bene ma servono certezze

Versione stampabile
anief anief
anief mnemosine eiform


In evidenza