Visualizza versione mobile

Mercoledì, 27 Luglio 2016

mnemosine
SERVIZI
SPECIALI ESPANDI

Retribuzione Dirigenti scolastici, Anief: i pagamenti prefissati dal Miur per l’anno scolastico corrente non bastano a invertire il trend negativo del passato

di redazione
ipsef

Retribuzione Dirigenti scolastici, Anief: i pagamenti prefissati dal Miur per l’

L'ANIEF ha commentato, in comunicato stampa di seguito riportato, i recenti sviluppi relativi alla retribuzione dei dirigenti scolastici, ritenendo che i pagamenti prefissati dal MIUR per l'anno scolastico 2015/16 non sono sufficienti a recuperare quanto tolto in passato. 

Comunicato - Secondo l’Ufficio studi Anief non è affatto vero – come comunicato da Viale Trastevere - che “i pagamenti prefissati dal Miur per l’anno scolastico corrente” bastano per invertire “il trend negativo che ha caratterizzato la quantificazione delle risorse in passato”, come non è vero che “si sbloccano e si risanano le situazioni pregresse consentendo ai dirigenti di recuperare le somme mancanti”. Perché l’incremento per l’a.s. 2015/2016, accordato dal Miur per circa 163 milioni, sarebbe dovuto essere di 201 milioni di euro. Vanno inoltre considerati gli stanziamenti straordinari, una tantum, stabiliti dalla Legge 107/2015: 46 milioni per l’anno 2016, a cui si aggiungono altri 17 milioni per il 2017. 

Marcello Pacifico (Anief-Cisal): Anief-Dirigenti Scolastici è pronta a presentare ricorso al TAR. Lo faremo, non appena l’ammontare del FUN sarà definito in via ufficiale dal Ministero dell’Istruzione, chiedendo quanto corrisposto per il corrente anno scolastico e per gli anni passati.

Appare inadeguato e inopportuno l’annuncio trionfalistico con cui il Ministero dell’Istruzione ha comunicato lo sblocco del Fondo Unico per le retribuzioni di risultato e posizione dei dirigenti scolastici: non è affatto vero che “i pagamenti prefissati dal Miur per l’anno scolastico corrente” bastano per invertire “il trend negativo che ha caratterizzato la quantificazione delle risorse in passato”, come non è vero che “si sbloccano e si risanano le situazioni pregresse consentendo ai dirigenti di recuperare le somme mancanti”.

L’ufficio studi Anief ha calcolato che c’è poco da esultare: l’ammontare del Fondo unico nazionale dovrebbe infatti essere notevolmente superiore, tenendo conto delle risorse disponibili prima del blocco degli stipendi stabilito dalla Legge 122/2010 e delle nuove risorse che si sono nel frattempo rese disponibili. L’incremento per l’a.s. 2015/2016, accordato dal Miur per circa 163 milioni, sarebbe dovuto essere pari a quasi 201 milioni di euro. Vanno inoltre considerati – nel computo in evidente difetto - gli stanziamenti straordinari, una tantum, stabiliti dalla Legge 107/2015: 46 milioni per l’anno 2016, a cui si aggiungono altri 17 milioni per il prossimo anno.

Pertanto, la cifra che il Miur avrebbe dovuto stanziare va ben oltre i 163 milioni annunciati. In totale sono 63 milioni lordo stato, circa 39 milioni lordo dipendente, di cui il comunicato ministeriale non parla. In attesa di prendere visione dell’atto unilaterale del Miur, speriamo si tratti di una semplice “dimenticanza”. In caso contrario, si tratterebbe di una decisione davvero grave. A tal proposito, viene da chiedersi cosa abbia da rallegrarsi l’Anp.

“Si tratta di un disavanzo importante – spiega Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief – segretario confederale Cisal – pari a circa 400 euro al mese in meno, che i dirigenti scolastici verranno a perdere, ovvero 5mila euro l’anno. I quali si sommano a tutto quello che i capi d’istituto hanno già perso negli anni passati e che l’amministrazione sembra aver messo nel dimenticatoio”.

“Come presidente nazionale Anief – conclude Pacifico – posso garantire sin d’ora che, qualora il finanziamento per il Fondo Unico per le retribuzioni di risultato e posizione si fermasse a questa cifra indicata dal Ministero, Anief-Dirigenti Scolastici, nata a fine 2015, presenterà immediatamente ricorso al TAR. Lo faremo, non appena l’ammontare del FUN sarà definito in via ufficiale dal Ministero dell’Istruzione, chiedendo quanto corrisposto per il corrente anno scolastico e a questo punto anche per gli anni passati”.

Di questa problematica afferente ai dirigenti scolastici, come del mancato rinnovo contrattuale per tutta la categoria dei lavoratori della scuola e dell’esigenza di recuperare l’indennità di vacanza contrattuale e tutto il maltolto che ne consegue, Anief parlerà in modo approfondito giovedì 10 marzo a Palermo, dalle ore 8.30 alle ore 13.30, presso l’ I.C.S. “G. Verdi” – Via Alfredo Casella, 33.

STIMA FUN A.S. 2015/2016
(a cura dell’Ufficio Studi Anief)    
FUN A.S. 2010/2011    145.879.833,18
RIA DEI PENSIONATI    29.000.000,00
STANZIAMENTI LEGGE 107/2015    26.000.000,00
TOTALE    200.879.833,18
    
 

Per approfondimenti:

Tar Lazio stabilisce che anche i supplenti possono diventare presidi: due insegnanti precari promossi a capo d’istituto

Concorso Dirigenti Scolastici – Consiglio di Stato dà ragione all’Anief e applica la direttiva comunitaria: il servizio pre-ruolo andava valutato comequello di ruolo

Da precari a presidi: parola del Consiglio di Stato

Nel 2015 il nuovo concorso per diventare preside, cade un tabù: varrà il servizio svolto da docenti precari

Concorso a dirigente, aperte le adesioni al nuovo corso Eurosofia

In arrivo il concorso per diventare presidi, rimane solo da sciogliere il “nodo” dei posti

Concorso dirigenti scolastici, è già caos prima di essere bandito

Anief apre alla tutela dei dirigenti scolastici, lasciati soli a gestire la riformanegli istituti

Dossier sui DS: responsabilità crescenti, stipendio inadeguato (Focus di Tuttoscuola del 26 gennaio 2016)

Dirigenti scolastici: più responsabilità, stipendi all’osso e sugli arretrati tutto tace

 

9 marzo 2016                                                        

Ufficio Stampa Anief

 www.anief.org
 

Versione stampabile
anief anief
anief mnemosine eiform


In evidenza