Visualizza versione mobile

Sabato, 30 Luglio 2016

mnemosine
SERVIZI
SPECIALI ESPANDI

Rapporto Eurydice. Valutazione degli insegnanti in Europa e corsi di formazione Erasmus per 1.700 docenti italiani

di Giulia Boffa
ipsef

Presentato l'ultimo rapporto della rete Eurydice 'La professione insegnante in Europa: pratiche, percezioni e politiche',  il 25 giugno alla Commissione europea a Bruxelles. Ce ne parla l'agenzia Dire.

Il rapporto analizza la relazione fra le politiche che regolano la professione insegnante, le pratiche, le opinioni e le percezioni di due milioni di insegnanti che lavorano nelle scuole secondarie inferiori dei 28 Paesi Ue,  Islanda, Liechtenstein, Montenegro, ex Repubblica Jugoslava di Macedonia, Norvegia, Serbia e Turchia. Lo studio si basa sull'analisi di dati Eurydice ed Eurostat/UoE e sull'analisi secondaria di dati dell'indagine Ocse Talis del 2013.

Quattro gli ambiti analizzati: condizioni demografiche e lavorative, formazione iniziale, sviluppo professionale, attrattività della professione insegnante e mobilità transnazionale. Tra i dati emersi dallo studio, scopriamo che è soprattutto grazie a Erasmus+ che docenti in servizio e futuri docenti realizzano mobilità per studio o sviluppo professionale all'estero.

Quasi un quarto degli 'insegnanti in mobilità è stato all'estero per motivi professionali grazie a questa misura, mentre programmi di formazione finanziati a livello nazionale o regionale permettono una formazione in Europa in 1 caso su 10.

Quest'anno in Italia saranno oltre 1.700 docenti di scuole italiane che l'Agenzia Nazionale Erasmus+ Indire ha selezionato e che nei prossimi mesi partiranno per svolgere un corso di formazione o un periodo di codocenza in scuole europee, un dato che rappresenta un incremento dell'8% rispetto allo scorso anno.

I dati sul contesto demografico evidenziano ancora che la professione docente è appannaggio del genere femminile. Registrano, inoltre, il rischio di una prossima carenza di personale docente a livello europeo: due terzi sono infatti over 40 e circa il 40% andrà in pensione nei prossimi 15 anni.

L'Italia ha gli insegnanti più vecchi d'Europa: assenti quasi del tutto i docenti delle scuole secondarie di I grado sotto i 30 anni, mentre circa il 44% ha fra i 50 e i 59 anni e gli over 60 sono quasi il 20%.

Tra i numerosi dati offerti dallo studio si trovano anche quelli sulla valutazione, aspetto analizzato nell'ottica di un miglioramento della percezione della professione docente. Principalmente la valutazione dei docenti spetta al capo di istituto o a un valutatore esterno, su base regolare o in specifiche circostanze, e può anche comprendere forme di autovalutazione. Una qualche forma di valutazione degli insegnanti regolata a livello centrale è presente in tutti i Paesi eccetto l'Irlanda, l'Italia, l'Olanda, la Finlandia, la Scozia, la Norvegia e la Turchia.

In questi Paesi, tuttavia, molto spesso le scuole sono libere di organizzare in maniera autonoma le proprie strategie di sviluppo professionale degli insegnanti, incluse forme di valutazione delle loro performance. Nella maggior parte dei Paesi in cui esiste un sistema di valutazione, il dirigente scolastico è responsabile della valutazione degli insegnanti, che sia su base regolare o in specifiche circostanze, come nel caso di un cambiamento di mansione, di una promozione o di un problema relativo ai metodi di insegnamento.

In 17 sistemi educativi, la valutazione è effettuata da un valutatore esterno, su base regolare o ad hoc. In ogni caso, salvo pochissime eccezioni, la valutazione da parte di un esperto esterno viene integrata dalla valutazione effettuata dal dirigente scolastico. In alcuni Paesi la valutazione della performance dei docenti è legata a un aumento dello stipendio.

In Inghilterra, per esempio, mentre precedentemente gli insegnanti ricevevano aumenti stipendiali annuali in maniera quasi automatica, in base a una valutazione globale soddisfacente, dal 2014 tutti gli aumenti stipendiali sono correlati alla loro performance individuale. In Svezia, invece, le valutazioni individuali dei docenti sono tenute in conto quando il dirigente scolastico e i rappresentanti sindacali degli insegnanti negoziano lo stipendio degli stessi.

Versione stampabile
anief anief
anief mnemosine eiform


In evidenza