Visualizza versione mobile

Giovedì, 25 Agosto 2016

mnemosine
SERVIZI
SPECIALI ESPANDI

 La qualità educativa della scuola digitale  delle scuole paritarie

di admin
ipsef

La F.I.D.A.E. LOMBARDIA, nella persona del presidente Anna Monia Alfieri, unitamente ai consiglieri, all’interno del ricco programma di appuntamenti di formazione previsti per l’a.s. 15/16 (clicca qui), promuove, in collaborazione con il Centro educativo e Scuola S. P. E. Cerioli, un incontro dal titolo «La qualità educativa della scuola digitale nelle scuole paritarie». Questo importante appuntamento vuole essere l’occasione per favorire la realizzazione di una rete di collaborazione e confronto fra le scuole.

La scuola che ospiterà l’evento racconterà la sua esperienza di scuola digitale, puntando l’attenzione a quali sviluppi – gestionali, didattici, relazionali - una scuola digitale può condurre e a quali dinamiche di lavoro in sinergia può aprire la strada.

Quando si parla di scuola digitale, immediatamente emergono due opposti schieramenti tra chi è favorevole al cambiamento e chi è invece contrario ad esso. Nella scuola digitale - la scuola cioè che utilizza la tecnologia per l'insegnamento e per l'apprendimento, andando conseguentemente a trasformare anche l’ambiente scolastico - alcuni scorgono una opportunità di apprendimento e formazione per gli studenti, altri, invece, vedono nell’inserimento della tecnologia nella didattica un elemento lesivo della trasmissione delle conoscenze e delle competenze. Come tutte le novità, anche questo tema va affrontato con obiettività, senza rifiutare a priori gli elementi innovativi e, ovviamente, senza rifiutare integralmente quanto è stato fatto sino ad ora.

Per questo l'obiettivo del CONVEGNO è quello di analizzare e di evidenziare la qualità educativa di una scuola che ha scelto la didattica digitale. «Qualità educativa» significa evidenziare il senso della tecnologia nell'insegnamento-apprendimento, ma anche nelle relazioni tra e con gli studenti e le competenze da spendere nella vita.

Le risposte che stiamo avendo in termini di iscrizioni sono positive e incoraggianti: conferma che c'è da parte delle famiglie, degli insegnanti e dei gestori grande interesse a comprendere le ragioni di una scelta.

Questo appuntamento si colloca all’interno di giorni nei quali si fa sempre più acceso, a livello istituzionale, il dibattito relativo al costo standard di sostenibilità, dibattito innescato a seguito della pubblicazione del saggio Il diritto di apprendere. E’ di pochi giorni fa la dichiarazione del ministro dell’economia, on. Pier Carlo Padoan, - riportata dall’ANSA il 6 febbraio u.s. - secondo la quale “il completamento dell’adozione dei costi standard è una priorità del Governo”. Sempre il ministro, parlando alla Scuola di formazione del PD, ha affermato che l’adozione dei costi standard rappresentano “il presupposto per il superamento del patto di stabilità interno, un meccanismo paradossale che impedisce ai virtuosi di spendere risorse che hanno risparmiato”. Sono segnali importanti che ci fanno comprendere come qualcosa di importante si stia realizzando all’interno del lungo percorso che potrà portare al riconoscimento ai genitori dell’esercizio della libertà di scelta educativa.

Il Convegno – lo ricordiamo - si svolgerà Sabato 20 Febbraio 2016, a partire dalle 09.30 presso la Scuola S.P.E. Cerioli, Orzinuovi (BRESCIA) (clicca qui per leggere il Programma). La partecipazione è gratuita; per motivi organizzativi si chiede di segnalare la propria presenza compilando il modulo di iscrizione (clicca qui per l'iscrizione).

Per maggiori informazioni (clicca qui)

Vi aspettiamo numerosi

Suor Anna Monia Alfieri

Presidente Fidae Lombardia

Versione stampabile
anief anief
anief mnemosine eiform


In evidenza