Sabato, 28 Maggio 2016

mnemosine
SERVIZI
SPECIALI ESPANDI

A proposito di Buona Scuola: vediamo cosa accade nella "Scuola alla buona". Lettera

di redazione
ipsef

Sentire  Marchionne usare le stesse parole di un” Premier non Premier” (perché in realtà è stato eletto solo a Sindaco e mai  era stata neanche teorizzata la sua candidatura a capo del Governo .

.quella era stata pensata per Pierluigi Bersani) perché soddisfatto dei propri risultati alla faccia dei “gufi” produce sgomento anche negli ultimi elettori Pd rimasti ancora fedeli ad una idea di Sinistra… che sempre più oramai non esiste nella realtà!

Ma di quali gufi si parlerà poi nessuno è in grado di dirlo! In realtà in politica per mantenere l'attenzione su di se bisogna sempre cercare un nemico… una volta sono le toghe e l'altra sono i gufi…

Oggi sono i “gufi” ed in particolare i docenti tutti.. quelli delle Gae immessi in ruolo nelle varie fasi Zero, B, C, tutti scontenti da una pseudo-riforma che umilia il docente in ogni sua funzione e tutti quei docenti  di seconda fascia, abilitati davanti una commissione dove era presente anche un rappresentante del Miur, lo stesso Miur che però oggi non riconosce la validità di quella abilitazione che solo qualche mese fa confermava.

Strani controsensi prodotti da un Governo che nasce su dichiarazioni quali “Mai sarò Premier senza passare per le elezioni popolari” o che davanti alla protesta di milioni di cittadini, genitori, alunni e docenti, nei confronti di una umiliante riforma scolastica, dice “fermiamoci e riflettiamo su queste proteste” salvo poi dopo poche ore da questa dichiarazione, porre la fiducia sulla “Pessima buona scuola” che sempre più appare come una “scuola alla buona!” Fiducia posta per lotte intestine al Governo, con un Davide  Faraone (uomo fidato di Renzi) che stava per soffiare il posto al Ministro Giannini…è bene ricordarlo!

A tal proposito (Scuola alla Buona) infatti bisogna per onestà intellettuale (tanto cara ai politici politicanti) denunciare la gravità di come tutti i docenti messi in ruolo nella fase C stiano nelle aule insegnanti ad incrociare le braccia, (se qualche Ministro ha voglia di smentire entri pure in una qualsiasi scuola d'Italia, ma senza farsi annunciare! Ops…forse però ogni Ministro questa cosa già la sa…oppure  richieda alla redazione la mail  e venga a visitare l'istituto dove lo scrivente insegna), mentre i docenti di seconda fascia non presi neanche in considerazione dalla riforma, ma anzi penalizzati ulteriormente dal dover partecipare ad un Concorso che per nulla terrà in considerazione tutti gli anni di precariato e la professionalità con la quale ogni docente ha svolto il proprio lavoro, continuano a mandare avanti la Scuola, quella Scuola fatta di grandi valori che questo Pd e questa riforma stanno distruggendo.

 Concorso, dicevamo,  che fino ad oggi non fa che confermare quanto da mesi è sotto gli occhi di tutti, “Gufi e Non”, cioè che questo Governo soffre periodicamente della mai purtroppo debellata “Annuncite”!

Ma non perdiamo il filo del discorso, si parlava  di “scuola alla buona” prodotta dalla riforma.

La buona scuola o scuola alla buona, garantiva che tutte le cattedre sarebbero state coperte (si ma dagli insegnati di seconda fascia affetti da “supplentite”, aggiungiamo a ragion veduta!) comprese quelle di sostegno, insegnamento tanto caro a Davide Faraone… Ma nella realtà la stragrande maggioranza degli alunni con disabilità continua a non avere il proprio insegnante di sostegno e laddove ce l'ha non gli è garantito certo per 18 ore settimanali! Anche in questo caso se qualcuno ha voglia di smentire si presenti senza troppi annunci in una qualsiasi scuola d'Italia…

Se  il Governo e i suoi Ministri continuano a difendere la Riforma “ la scuola alla buona”, dalle critiche che ancora continuano a piovere e che mai si sono mai fermate…critiche fatte da genitori, alunni, docenti… è bene pensare caro Davide Faraone, che in fin dei conti gli “ultimi giapponesi” ( così il sottosegretario ha definito quanti ancora protestano nelle piazze) non siano poi così pochi… non si faccia ingannare.. perché questi “giapponesi sono “subdoli”, si nascondono fanno credere di essere spariti, per poi uscire in milioni allo scoperto! Ma sono talmente subdoli da uscire allo scoperto solo quando saranno “chiusi”, urlando giustizia nel silenzio delle cabine elettorali..!

Del resto se una vecchia volpe come D'Alema ha avvisato il Governo.. ed ha ben contato due milioni di voti in meno… si fidi di chi la Politica la conosce prima di Lei e del Suo amato Premier.

Luca Castello

Versione stampabile
anief anief
anief mnemosine eiform


In evidenza