Visualizza versione mobile

Sabato, 23 Luglio 2016

mnemosine
SERVIZI
SPECIALI ESPANDI

Pensione anticipata a 63 anni: ecco per chi

di Lucrezia Di Dio
ipsef

Per accedere alla pensione di vecchia, anche grazie agli inasprimenti portati dalla riforma Fornero, sono necessari nel 2016 66 anni e 7 mesi e 65 anni e 7 mesi per le donne del settore privato.

Per accedere alla pensione anticipata, invece, servono 42 anni e 10 mesi di contributi versati per gli uomini e 41 anni e 10 mesi per le donne.

Esiste, però, la possibilità di accedere alle pensione anticipata con 63 anni e 7 mesi di età anagrafica.

Per accedere a questa forma di pensione anticipata bisogna possedere i seguenti requisiti:

  • almeno 20 anni di contributi versati
  • l’ammontare dell’assegno deve essere superiore a 2,8 volte l’assegno sociale (una pensione superiore, quindi, a 1255 euro).

Questo terzo modo per accedere alla pensione è chiamato pensione anticipata contributiva poichè si pensava, erroneamente, fosse dedicata esclivamente a coloro che hanno contributi versati solo dopo il 1996.

A chiarire ogni dubbio ci ha pensato una circolare INPS che ha specificato che tale pensione può essere richiesta anche da chi ha contributi versati anche prima del 1996, qualora sia iscritto alla Gestione separata e scelga il cumulo dei contributi per ottenere una sola pensione. Possono accedere, quindi, alla pensione anticipata a 63 anni anche i lavoratori autonomi,i lineri professionisti, i cococo e i  cocopro.

Questo perchè anche i  contributi versati nella gestione separata deve essere calcolata con il metodo contributivo, anche se versati prima del 1996.

 

Versione stampabile
anief anief
anief mnemosine eiform


In evidenza