Lunedì, 30 Maggio 2016

mnemosine
SERVIZI
SPECIALI ESPANDI

Neoimmessi in ruolo anno di formazione. Peer to peer: cosa fa il tutor e cosa il docente

di Nino Sabella
ipsef

Immagine neoimmessi in ruolo 2015/16

L’attività di osservazione tra docente tutor e docente neo assunto o comunque in anno di prova e formazione è prevista dall’articolo 9 del D.M. n. 850/2015 e richiamata dalla circolare del MIUR n. 36167 del 5/12/2015, aventi per oggetto il periodo di formazione e prova per i docenti neoassunti.

La detta attività si svolge, a partire dal terzo mese di servizio, in 12 ore articolate in 3 ore di progettazione condivisa, in 4 ore di osservazione del neo assunto nella classe del tutor, in 4 ore di osservazione del tutor nella classe del docente neo assunto e in un’ora di verifica dell’esperienza.

L’attività di peer to peer è finalizzata al miglioramento delle pratiche didattiche e alla riflessione sugli aspetti caratterizzanti l’insegnamento; nello specifico, essa si pone l’obiettivo di sviluppare, nel docente in anno di prova e formazione, competenze sulla conduzione della classe e sulle attività di insegnamento, sul sostegno alla motivazione degli allievi, sulla costruzione di climi positivi e motivanti e sulle modalità di verifica degli apprendimenti.

Il comma 2 dell’articolo 9 del suddetto D.M. prevede che le attività d’osservazione siano preventivamente progettate e successivamente oggetto di confronto e rielaborazione con il docente tutor e di specifica relazione da parte del docente neoassunto.

Nella circolare del 5/12/2015 è prevista al paragrafo 4 l’emanazione di apposite linee guida, di cui tuttora si è in attesa.

Interessanti indicazioni in merito all’anno di formazione e prova sono stati forniti dall’USR Emilia Romagna con la nota n. 16744 del 24/12/2015, i cui materiali allegati descrivono dettagliatamente, tra le altre cose, le fasi in cui deve articolarsi l’attività di peer to peer.

Come previsto dal D.M. n. 850/2015, l’attività d’osservazione deve essere precedentemente progettata, al fine di individuare le situazioni d’apprendimento da osservare, e può essere circoscritta con l’indicazione di indicatori-descrittori relativi a “cosa fa l’insegnante” , a “cosa fanno gli allievi” e all’efficacia dei risultati attesi.

Quali sono le situazioni d’apprendimento da osservare?

  • Spiegazione
  • Correzione di un compito scritto
  • Conversazione/Discussione
  • Attività cooperativa
  • Unità didattica sull’inclusione (educazione alla convivenza civile)

Nella scheda fornita dall’USR sono esplicitati, per ognuna delle situazioni d’apprendimento suddette, “cosa fa l’insegnante”, “cosa fanno gli allievi” e i risultati attesi.

Cosa fa il tutor quando è osservato dal docente in anno di prova e formazione?

Esercita l’attività professionale concordata con attenzione ai descrittori previsti.

Cosa fa il tutor quando osserva il docente in anno di prova e formazione?

Annota punti deboli, punti forti, domande da porre e primi consigli da fornire al docente neo-assunto.

Cosa fa il docente in anno di prova e formazione quando è osservato dal tutor?

Esercita l’attività professionale concordata con attenzione ai descrittori previsti.

Cosa fa il docente in anno di prova e formazione quando osserva il tutor?

Annota gli elementi di qualità a lui ignoti riscontrati nell’attività del tutor, individua o fa ipotesi sul meccanismo che li ha prodotti, annota domande da porre al tutor; in seguito al confronto professionale che si instaura compie un’autovalutazione della propria azione didattica in termini di punti deboli e punti di forza e di livello di soddisfazione.

L’attività di osservazione si conclude con la verifica dell’esperienza e la specifica relazione da parte del docente in anno di prova e formazione.

La verifica dell’esperienza non si deve necessariamente svolgere tutta alla fine dell’attività di peer to peer ma anche nel corso della medesima: ad esempio si può stabilire di dedicare un’ora di verifica al termine delle prime 4 ore di osservazione reciproca, per poi procedere allo svolgimento dell’altra ora prevista al termine delle ulteriori 4 ore di osservazione.

La verifica dell’esperienza deve configurarsi in termini di riflessione e mutuo scambio tra colleghi, in relazione a quelle che la letteratura considera dimensioni dell’insegnamento: progettuale, relazionale, metodologica, organizzativa e valutativa.

Al termine della verifica, è compito del docente in anno di formazione e prova produrre una specifica relazione che confluirà nel portfolio, a suo volta oggetto del colloquio del docente dinnanzi al Comitato di valutazione.

La detta relazione, come suggeriscono le indicazioni dell’USR Emilia Romagna, potrà trattare i seguenti punti:

  • vissuto personale durante l’esperienza di osservazione in classe (training interautosservativo);
  • livelli di competenza riscontrati in sé e nel tutor nella situazioni di apprendimento (in base ai descrittori suddetti);
  • pratiche didattiche nuove apprese nei campi professionali previsti dal D. M. 850/2015 (competenze culturali, disciplinari, didattiche e metodologiche, relazionali, organizzative e gestionali);
  • autovalutazione e covalutazione peer to peer delle performance di insegnamento in relazione alla didattica per competenze: conoscenze, abilità, applicazioni, relazioni, responsabilità, autonomia;
  • aree e competenze di miglioramento individuate;
  • bisogni formativi individuati.

Tutto sull’anno di prova e formazione

Guida neo assunti - Segui le notizie direttamente sul tuo cellulare attraverso il nostro canale gratuito Telegram

Versione stampabile
anief anief
anief mnemosine eiform


In evidenza