Mercoledì, 29 Giugno 2016

mnemosine
SERVIZI
SPECIALI ESPANDI

Monti bacchetta i docenti: "indisponibilità a fare due ore in più". Il video. USB: "macchina diffamatoria"

di redazione
ipsef

PRC. Sulla scuola da Monti solo sciocchezze, luoghi comuni e falsità
FLCGIL: gravi le dichiarazioni di Monti a "Che tempo che fa"
FLI: Mentre Monti parla il malato muore
CISL. Monti eviti luoghi comuni e dia alla scuola giusta attenzione
red - Il professor Monti ieri ha fatto un'apperizione a "Che tempo che fa" la popolarissima trasmissione televisiva che va in onda su Rai 3 e condotta da Fabio Fazio. Il Premier ha parlato del suo possibile futuro politico, ma anche di scuola, affermando di aver riscontrato nei docenti un "grande spirito corporativo".
GILDA a Monti: nessun corporativismo, vogliamo solo equità
Ghizzoni, su orario insegnanti azione di civiltà del parlamento
Di Menna: il Governo si impegni verso i ‘veri corporativismi’ che non sono stati toccati
ANIEF. Le parole di Monti sono un grave attacco alla dignità dei docenti

I docenti hanno mostrato, secondo Monti,  "grande indisponibilità a fare due ore in più a settimana il che avrebbe significato liberare risorse per fare più seriamente politiche didattiche", in difesa di "privilegi corporativi". E i corporativismi, sempre secondo il premier, "spesso usano anche i giovani per perpetuarsi e non adeguarsi ad un mondo più moderno", riferendosi alle contestazioni degli studenti.

Il messaggio, permetteteci di fare il processo alle intenzioni, è molto semplice: il governo che ha quale scopo di salvare il paese dal baratro economico ha chiesto un sacrificio ai docenti e questi si sono rifiutati.

Se ci sarà meno cultura sarà colpa dei docenti che non hanno lavorato 2, in realtà la richiesta era di 6, ore in più a settimana. Il riferimento è chiaramente rivolto alla faccenda dell'aumento dell'orario lavorativo da 18 a 24 ore, imposto per legge e senza retribuzione.

Sulla questione primo sindacato ad essere intervenuto è stato l'USB che parla di "macchina diffamatoria della categoria dei docenti", e lancia l'allarme: "non basta eliminare temporaneamente una proposta indecente di innalzamento dell'orario di lavoro a parità di salario, non basta racimolare qualche briciola per gli scatti di anzianità dei docenti rastrellando il misero barile del fondo di istituto, non basta rallentare o ripensare l'iter dell'ex legge Aprea", rinalcinado la necessità della protesta.

Numerose, secondo nostre fonti, le e-mail inviate durante la notte scorsa alla redazione di Fazio, da parte di docenti che chiedono diritto di replica, o per semplice protesta.

In queste ore, siamo certi, giungeranno comunicati e prese di posizione da parte di partiti e forze sindacali, restate connessi, saranno pubblicate tempestivamente.

Vi ricordiamo che sulla nostra pagina FaceBook è possibile commentare le parole del Primo Ministro. Comprendiamo lo stato d'animo di molti utenti, ma siamo costretti a chiedervi moderazione negli interventi.

L'intervento di Monti

La Litizzetto. Che odore fa Monti? Sa un po' di banca. 

Versione stampabile
anief anief
anief mnemosine eiform


In evidenza