Visualizza versione mobile

Mercoledì, 27 Luglio 2016

mnemosine
SERVIZI
SPECIALI ESPANDI

Mobilità straordinaria anche per fase 0 e A per ristabilire meritocrazia. Lettera

di redazione
ipsef

Antonio Tarolla - Sono un ex precario che nel 2012, nonostante era inserito in gae, si è voluto dare un'altra possibilità per raggiungere il ruolo e con fatica, sia fisica che economica, ha sostenuto e poi vinto il concorso più selettivo degli ultimi anni in un'altra regione rispetto a quella di residenza.

Sottolineo che le ragioni che mi hanno spinto ad andare in un altra regione sono le stesse che hanno spinto altri colleghi ad aggiornare nel 2014 la provincia di inserimento delle gae, sempre con lo scopo di raggiungere prima lo scopo del ruolo ed evidenzio prima che si sapesse qualcosa in merito al piano assunzionale straordinario che di li a poco si sarebbe realizzato.

Dopo essere risultato vincitore di conocrso, sono stato per ben tre anni ad attendere la chiamata del ruolo ma niente; poi con il piano straordinario della legge 107 tutto si è sbloccato ma con una grande delusione per me. Sapete quale? In pratica la scelta che mi ha portato anni prima a sostenere un concorso in un'altra regione si è rivelata penalizzante per me in quanto anzicchè vantare un'occasione in più, un privilegio in più, tra l'altro guadagnato con il sudore della fronte, essendo io sia nel canale del concorso che in quello delle gae, sono stato costretto ad accettare il ruolo da gm 2012 in quanto è stato il primo che mi è stato proposto, pena la cancellazione da tutte le fasi successive del piano straordianario.

Altra beffa è stata poi vedere preclusa per noi ruoli da gm 2012 qualsiasi possibilità di fare domanda di mobilità per ritornare nella mia provincia. E se ancora non bastasse, ulteriore sconforto è stato vedere che nella fase C i docenti sono stati quasi tutti confermati nella propria provincia di appartenenza nonostante la tanto temuta "deportazione", che poi nella pratica non è avvenuta, anche con punteggi direi bassissimi rispetto ai nostri sia di gae che di gm.

In nome di tanti che sono nella mia posizione, anche per quelli presenti nella gae di altra provincia in seguito all'aggiornamento del 2014 prima del piano assunzionale straordianario, confido che con la contrattazione si possa porre riaparo ai pasticci che si  realizzeranno con le norme sulla mobilità della legge 107, e ristabilire concedendo la mobilità a tutti i docenti di tutte le fasi una meritocrazia in tutte le fasi partendo dalla  e finendo con la C, perchè non è affatto giusto che il possesso di più abilitazioni o di punteggi più alti o l'essere inseriti sia in gae che in gm contemporaneamente, potesse essere un danno per noi stessi anzicchè un privilegio.

Versione stampabile
anief anief
anief mnemosine eiform


In evidenza