Visualizza versione mobile

Giovedì, 25 Agosto 2016

mnemosine
SERVIZI
SPECIALI ESPANDI

Mobilità docenti 2016: termine entro cui possedere i titoli. Numero di preferenze. Tutte le fasi

di redazione
ipsef

In attesa della pubblicazione dell’ordinanza ministeriale e dopo l’incontro tenutosi al MIUR, anticipiamo come avverrà la compilazione delle domande per le singole fasi.

FASE A

La fase A di cui all’art 6 del CCNI 2016 comprende i movimenti provinciali (trasferimenti e passaggi) di tutti gli assunti entro il 2014/15 e comprende anche i neo immessi in ruolo nelle fasi 0 e A del piano straordinario di assunzioni i quali dovranno ottenere una sede definitiva nella provincia di attuale assunzione.

Tali docenti effettueranno le operazioni di mobilità con le stesse modalità degli anni passati e con gli stessi modelli (con l’aggiunta di qualche casella es. relativa ai titoli CLIL).

Per loro la presentazione della domanda avverrà presumibilmente nell’ultima settimana di marzo con scadenza fine aprile.

Non cambierà l’indicazione e il numero delle preferenze:

  • si continuerà a scegliere la preferenza di scuola, circolo, distretto, comune e provincia;
  • il numero di preferenze sarà fino a 20 per la scuola dell’infanzia e primaria e fino a 15 per la scuola di I e II grado. Come gli anni passati.

Particolarità DOS

La novità di questo anno già contenuta nel nuovo CCNI 2016 è la titolarità di scuola per i DOS che sarà contenuta anche nell’ O.M.

Prima dell’inizio della compilazione delle domande di trasferimento verrà disciplinata attraverso gli Uffici Territoriali competenti la modalità di scelta attraverso cui tali docenti possono decidere di rimanere nella scuola di attuale servizio per acquisirne la titolarità.

Pertanto tale personale, compresi i rientri e le restituzioni al ruolo di provenienza, presenterà domanda all’ATP di riferimento ai fini dell’assegnazione di sede di titolarità prima delle operazioni di mobilità.

FASE B

La fase B comprende sia i trasferimenti e i passaggi interprovinciali degli assunti entro il 14/15 (fase b1 e b2), sia gli assunti dal concorso in fase B e C del piano assunzionale (fase b3).

Fase b1 e b2

Tali sottofasi riguarderanno i docenti assunti entro il 2014/15 che potranno chiedere trasferimento o passaggio (anche in aggiunta ad un’eventuale domanda provinciale). La domanda è volontaria.

Per tali docenti la particolarità sarà la scelta degli ambiti e delle province (quindi non singole scuole, comuni o distretti come nella fase A), con la possibilità però, nel primo ambito indicato, di indicare le scuole in cui poter ottenere la titolarità di scuola. Mentre dal secondo ambito in poi l’eventuale titolarità ottenuta sarà solo di ambito (chiamate del ds per capirci). Ciò vale sia per i trasferimenti che per i passaggi di cattedra e di ruolo.

Per capire: il docente sceglie come primo ambito il numero 1 della provincia X. In questo ambito ci sono 10 scuole. Le 10 scuole saranno caricate tutte, quindi non c’è possibilità di eliminarne qualcuna. Il docente ha però la possibilità di ordinarle secondo preferenza dal 1 al 10.

Poi indicherà, se vorrà, gli altri ambiti o province. Con l’indicazione della preferenza “provincia” è come se si indicassero con una sola preferenza tutti gli ambiti della provincia secondo l’ordine di vicinanza stabilito dall’USR.

Sarà precisato nell’ordinanza, anche se l’art 13 del CCNI già lo fa, che tali docenti qualora usufruiscano di una precedenza dovranno prioritariamente indicare, all’interno del primo ambito (quindi prima preferenza), le scuole dei comuni per i quali hanno diritto alla precedenza. Ovviamente nel caso in cui in quell’ambito non ci siano le scuole del comune predetto (pensiamo soprattutto alla scuola secondaria), e altresì ovviamente non ci sia il comune viciniore e quest’ultimo si trovi in un altro ambito, si dovrà indicare come primo ambito quello in cui c’è la scuola del comune viciniore rispetto al quale si ha diritto alla precedenza.

Fase b3

I docenti assunti da concorso dovranno indicare tutti gli ambiti della provincia di assunzione. La loro titolarità è su ambito e nella provincia di assunzione. Nel caso la domanda fosse incompleta l’ambito verrà assegnato d’ufficio in quanto il sistema completerà l’elenco degli ambiti seguendo la vicinanza tra gli ambiti provinciali disposti dall’USR.

FASE C

I docenti assunti da GAE in fase B e C del paino straordinario dovranno indicare tutti gli ambiti a livello nazionale (anche utilizzando il codice provincia…quindi in questo caso dovranno indicare 100 province le quali includono tutti gli ambiti nazionali).

Se si dovessero fermare ad un certo numero di preferenze (per esempio 1, 5 ,10) il sistema completerà automaticamente la domanda secondo il sistema di vicinanza tra tutte le province d’Italia stabilito dal MIUR e che sarà allegato all’O.M.. Ricordiamo che già le sequenze contenute nel CCNI prevedono questo e prevedono altresì che se non si dovesse presentare la domanda, l’assegnazione della sede definitiva avverrà a punteggio 0 e secondo l’ordine di vicinanza già detto partendo dalla provincia di attuale assunzione.

NELLA FASE D

I docenti assunti nella fase 0 e A del piano di assunzione e quelli assunti da concorso nelle fasi B e C del piano di assunzione potranno produrre domanda di trasferimento interprovinciale oltre a quella provinciale. La domanda è volontaria e la titolarità è su ambito.

MODELLI PER LE FASI B, C e D

Utilizzeranno una nuovo modello di domanda che il MIUR sta predisponendo per l’inserimento degli ambiti o delle province.

Tale modello prevedrà una funzione semplificata per l’inserimento delle preferenze (simile a quella che i neo immessi in ruolo del piano straordinario hanno conosciuto per le domande inviate entro agosto 2015).

NUMERO DI PREFERENZE

Per la b3 concorso abbiamo già detto che si dovranno inserire tutti gli ambiti della provincia di assunzione.

Per la fase C abbiamo detto che dovranno inserire tutti gli ambiti d’Italia mentre per le fasi B (interprovinciali) e D le domande sono volontarie quindi esiste solo il numero minimo di preferenze da inserire, che ovviamente sarà UNA.

In realtà però non è stato ancora stabilito il numero massimo di caselle che saranno presenti nel nuovo modello di domanda. E questo riguarda comunque tutte e tre le fasi B (interprovinciale) C e D.

Il MIUR ha comunicato 100 preferenze in totale sommando il codice provincia con quello degli ambiti.

Probabilmente tale numero sarà superiore.

DATA ENTRO CUI POSSEDERE I TITOLI

Per tutti i docenti e quindi per tutte le fasi, il termine ultimo per far valutare un titolo è possederlo entro il termine ultimo delle scadenze delle domande per la fase A (presumibilmente entro fine aprile).

CERTIFICAZIONI

Tutte le autocertificazioni saranno allegate in modalità online. Probabilmente anche le eventuali certificazioni mediche che danno titolo alle precedenze. 

Tutto sulla mobilità

Versione stampabile
anief anief
anief mnemosine eiform


In evidenza