Visualizza versione mobile

Sabato, 27 Agosto 2016

mnemosine
SERVIZI
SPECIALI ESPANDI

Mobilità 2016/17. Anief: sarebbero state sufficienti due domande, una posti comuni e sostegno, una su organico potenziato. Impugneremo contratto

di redazione
ipsef

Secondo Marcello Pacifico, presidente Anief, stiamo assistendo ad una trappola bella e buona relativamente alla mobilità dei docenti di ruolo per l'a.s. 2016/17: “sarebbe bastato prevedere, al posto delle diversificate fasi di mobilità previste dal pre-accordo, solo due domande: una per i posti comuni e di sostegno e una su organico potenziato.

Restano confermate, invece, la discriminazione dei docenti già prevista dal legislatore e condivisa dai sindacati firmatari, la mortificazione della funzione docente, l’attacco alla libertà d’insegnamento. Tutte circostanze già denunciate dall’Anief, il quale impugnerà il contratto o qualsiasi genere di normativa ad esso sostitutiva”.

Intanto, Anief continua ad organizzare seminari partecipati sulla riforma e sulla mobilità e annuncia l’apertura di sportelli dedicati di consulenza sulla materia, pur coscienti dell’inutilità e dell’infondatezza della sottoscrizione di un accordo, subito denunciata. Non esistono insegnanti di serie A o di serie D: siamo tutti educatori.

Lo studio legale dell’Anief, infine, ha sciolto le riserve sui ricorsi relativi al pieno riconoscimento del servizio svolto nelle scuole paritarie inserite nel circolo nazionale di istruzione, del servizio pre-ruolo ancora una volta valutato la metà nonostante la sentenza della CGUE, del titolo di specializzazione universitario di sostegno o conseguito presso le SSIS, TFA in coerenza con quanto disciplinato da anni, dell’assegnazione in deroga per tutti i neo-assunti anche per quest’anno scolastico.

Saranno presentati d’urgenza ricorsi ex 700, per ottenere il riconoscimento immediato del diritto. Mentre saranno impugnate le eventuali fasi della vergogna per far dichiarare l’incostituzionalità della legge 107/2015, detta la “Buona scuola”.

Versione stampabile
anief anief
anief mnemosine eiform


In evidenza