Domenica, 26 Giugno 2016

mnemosine
SERVIZI
SPECIALI ESPANDI

M5S, basta minacce dei presidi ai docenti

di admin
ipsef

Dopo le minacce rivolte nei confronti dei docenti che legittimamente protestano contro il Pof, ora il vice presidente dell'Anp (Associazione nazionale Presidi) torna sui suoi passi e tenta di chiarire in maniera non rassicurante e comunque inefficace una realtà dei fatti che il M5S aveva già denunciato sin dall'inizio della presentazione della legge 107: il governo ha messo la scuola nelle mani di presidi manager, con il rischio concreto che molti di loro ora esercitino un vero e proprio potere ricattatorio nei confronti della classe docente, a scapito degli insegnanti e di tutti i presidi che si riconoscono in una scuola democratica e aperta". Lo affermano i parlamentari M5S della Commissioni Cultura di Camera e Senato.

"A questo - continuano i parlamentari M5S - si aggiunge un'altra nefasta conseguenza per i docenti: molti di coloro che non si adegueranno al Pof, saranno costretti a chiedere la mobilità, finendo così all'interno degli ambiti territoriali, dunque senza nessuna certezza sul loro futuro, e stessa sorte toccherà anche ai vincitori di concorso".

 

"Dispiace - concludono - che nella bozza di contratto i sindacati abbiano accettato un 'contentino' che di fatto discrimina i docenti e salvaguarda solamente coloro che sono stati immessi in ruolo entro il 31 agosto 2015. Questi ultimi potranno trasferirsi mantenendo la titolarità della sede, mentre per tutti gli altri sarà caos e incertezza perenne".

Versione stampabile
anief anief
anief mnemosine eiform


In evidenza