Venerdì, 27 Maggio 2016

mnemosine
SERVIZI
SPECIALI ESPANDI

L'on. Puglisi "paladina" degli esclusi dell'infanzia? Lettera

di redazione
ipsef

Lucia precaria GaE infanzia - Chi aspetta risposte da mesi si aggrappa a qualsiasi frase favorevole alla propria condizione, a tal proposito riporto lo stralcio di due articoli in cui l'on. Puglisi afferma: "... A giorni sarà pronto il bando del concorso per l'assunzione docenti,che comprende le scuole dell'infanzia. Se non ci sarà preselezione anche a questo livello, i vincitori del nuovo bando entreranno in cattedra nel 2017, mentre il prossimo ruolo potrebbe andare alle GaE più alte in graduatoria e a 2.000 idonei del concorso 2012..." C. Zunino la Repubblica 6 gennaio.

Per fare una precisazione sull'art. di C. Zunino del 6 gennaio: l'ipotesi di non inserire la prova preselettiva per il concorso nella scuola dell'infanzia non sono attribuibili all'on. Puglisi, ma all'intero PD come si legge dall'articolo

"... Nessuna ingiustizia... non c'erano risorse a sufficienza. Abbiamo scelto di utilizzare le risorse esistenti per potenziare la scuola dell'obbligo. Se l'economia andrà meglio e se partirà la ripresa potenzieremo anche la scuola dell'infanzia." F. Amabile La Stampa 8 gennaio.

Analizziamo accuratamente le parole della senatrice; trattasi solo ed esclusivamente di mere ipotesi:

1. via la preselezione per non avere pronte le nuove graduatorie a settembre 2016

2. la manna dal cielo che distribuirà i soldi per il potenziamento

Proviamo a credere che la prova preselettiva per il concorso del 2016 non ci sarà: un anno non basterebbe per assumere circa 2.000 idonei al concorso 2012, poiché andrebbero a dividersi i posti al 50% con le GaE. Per le GaE non cambierebbe molto, neanche nelle regioni dove le GM non ci sono più, perché anche se l'assunzione avvenisse al 100% non si esaurirebbero in un anno, anche la Puglisi lo sa,parlando di posizioni più alte e nel 2017 si tornerebbe al solito iter del 50% e 50%.

I posti disponibili sarebbero solo quelli derivanti dal turn over che garantirebbero un'immissione in ruolo di pochi!Il potenziamento come per le altre classi di concorso risolverebbe la questione ma bisognerebbe sperare nella buona sorte della ripresa economica, faccenda molto aleatoria! La soluzione ovvia e poco costosa è sotto gli occhi: non bandire il concorso, ma è esclusa, a priori, dall'essere considerata.

Da tutto questo bel discorso, tirando le somme, ne scaturisce che il risultato di quest'impresa è affidato al caso, pertanto di dubbia realizzazione. Resta evidente che i precari di GaE e GM infanzia hanno subito una disparità di trattamento rispetto ai colleghi delle altre cdc e sono ancora una volta beffati!

Versione stampabile
anief anief
anief mnemosine eiform


In evidenza