Visualizza versione mobile

Mercoledì, 27 Luglio 2016

mnemosine
SERVIZI
SPECIALI ESPANDI

Lettera di un collaboratore scolastico a Matteo Renzi

di redazione
ipsef

Antonella - Salve. Sono un collaboratore scolastico precario e mi occupo anche di sociale.
Vorrei segnalare alcune questioni in merito allo stato in cui versa la scuola; parlo sinceramente e con molta umiltà.

Partiamo dall’esterno delle scuole fino alla dirigenza delle stesse. 

Lo sa che i caseggiati sono in condizioni pessime, i banchi sono ancora quelli in cui mi sono diplomato io, i cortili non sono curati?

Lo sa che i bambini comprano tutto? 
Sapone per lavarsi, asciugamani, acqua, carta igienica e qualche volta anche i pennarelli per la lavagna visto che non ci sono più neanche quelli.

Lo sa quanto costa la mensa per singolo bambino? 
4 euro al giorno che per cinque giorni fa 20 euro. Per 4 settimane sono 80euro a bambino solo di mensa, a cui va aggiunto quanto già scritto sopra. 
Il totale si aggira intorno ad un minimo di 100 euro a bambino. Poi libri, matite, penne...e se ci sono più figli si raddoppia o si triplica.

Lo sa quanti sono in classe? 
22-25 bambini tutti appiccicati che in certi momenti neanche si respira.
Mangiano in classe (prima di entrarci bisogna pulirla) perché nella maggior parte delle scuole non c’e una sala mensa.

Detto questo, passiamo ai conti in merito: se una famiglia ha uno stipendio di 1200 euro al mese, e mi sto tenendo largo, solo per 2 figli ogni mese spende 200 euro, un minimo 400 euro di affitto per la casa oppure per il mutuo, luce, acqua, gas, auto, cibo e lo stipendio è finito anzi si è andati in rosso.

Riusciamo a ripristinare il personale della scuola o ci mettiamo tutti in malattia visto che siamo tutti 50enni? 
Non credo di dover più rincasare e mettermi a letto perché faccio i salti mortali per dare una parvenza di pulito; ma stiamo scherzando?

Io sono invalido civile al 50% e mi devo ammalare di più perché il cervello di chi dovrebbe gestire un’istituzione come la scuola non ha ancora capito che dobbiamo dare l’esempio. 

Se non c'è personale, inoltre, la sorveglianza agli alunni non può essere assicurata. 

La scuola va pulita bene tutti i giorni ma sta diventando impossibile visto che un collaboratore da solo dovrebbe pulire 5 classi in un'ora e in alcune scuole anche in mezzora, insieme a bagni e corridoi.

Ma che esempio stiamo dando di una scuola fatta di mondezza?

Lo sa quanto ci vuole per pulire una classe? 
Almeno mezz'ora a classe, se non di più, e alcuni dirigenti non vogliono che si pulisca quando nella scuola ci sono gli alunni. 

Mi dice Lei: quando e come va pulita la scuola? Noi collaboratori siamo lì
per questo ma facciamo anche fotocopie, rispondiamo al telefono, corriamo dietro ai bambini e molto altro. 

Anche i collaboratori scolastici hanno famiglia, lo sa quanto prendiamo al giorno? 35 euro. 

Se ti devi spostare come nel mio caso di 50km-100km al giorno, ci vogliono 20€ solo di benzina. 
Ha idea di come è fatto il nord della Sardegna? Se aggiungiamo il consumo della macchina e un panino, stiamo andando a lavorare GRATIS. 

Lei va a lavorare GRATIS?

La lettera non sarà perfetta ma la sostanza si capisce e, mi creda, tengo molto ai bambini e al mio lavoro.

In fede, Antonello Mulargia

Versione stampabile
anief anief
anief mnemosine eiform


In evidenza