Visualizza versione mobile

Venerdì, 29 Luglio 2016

mnemosine
SERVIZI
SPECIALI ESPANDI

Insegnanti di sostegno primaria SFP preparati ma ancora non di ruolo. Lettera

di redazione
ipsef

Loredana Centonze - Caro Renzi, siamo stanchi. Parli di meritocrazia e di valorizzare i migliori insegnanti. Ma fino a questo momento ciò non si è visto.

Hai dato precedenza agli insegnanti provenienti dalla Gm della scuola primaria, molti dei quali sono insegnanti diplomati che non conoscono cosa significhi l'inclusione, la tecnologia, la pedagogia. Molti di essi non hanno mai lavorato oltre che studiato.

Si sono limitati a sostenere la prova concorsuale, come se potesse essere paragonabile ai nostri 38 esami universitari comprensivi di tirocinio e laboratori. Molti di essi non conosco né la terminologia né le strategie didattiche da usare per i bambini diversabili.

Però, caro Renzi, pretendi che l'insegnante di sostegno sia un insegnante di classe. Non capendo che è così difficile per una docente di sostegno interagire tutti i giorni con colleghi di classe che a malapena conosco il significato di Bes, (lo sanno solo pronunciare).

A tutto ciò si aggiungono gli insegnanti arrivati, chissà da quale antica galassia, dalla fase del potenziamento, che con un punteggio basso e con alle spalle altri lavori, si ritrovano catalpultati nel mondo della scuola. E si trovano anche vicino casa. A me sembra che tu abbia voglia solo di denigrare gli insegnanti competenti e preparati. Vuoi un'Italia ignorante oppure ti sei trovato a parlare di scuola solo per caso, senza nessuna conoscenza approfondita.

Insegnanti sostegno di Sfp

Versione stampabile
anief anief
anief mnemosine eiform


In evidenza