Visualizza versione mobile

Sabato, 23 Luglio 2016

mnemosine
SERVIZI
SPECIALI ESPANDI

Impiegati statali fanno più malattia dei privati ma per meno giorni

di Patrizia Del Pidio
ipsef

Secondo una stima della CGIA basata sui dati INPS del 2014 il 55% degli impeigati statali è rimasto a casa per malattia. Uno su 2.

Nel settore privato, invece un dipendente su 3 è stato malato nel 2014. Ma se nel settore pubblico ci si ammala più spesso, lo si fa per meno tempo perchè i lavoratori statali hanno collezionato un giorno in meno di assenza rispetto a quelli del settore privato.

In media i dipendenti privati sono stati malati per 19 giorni mentre quelli statali solo 17,9 anche se dallo studio emerge una curiosità molto singolare: nel settore pubblico ci sono stateil 27,1% di assenze da un giorno mentre nel settore privato soltanto il 12,3%.

Dal quarto giorno di malattia in poi, emerge dal dato, le malattie dei dipendenti privati hanno un decorso più lungo rispetto a quelle degli statali.

Secondo Paolo Zabeo, coordinatore della Cgia, questi dati, però, non vanno strumentalizzati mettendo i dipendenti pubblici contro quelli privati e viceversa.  Secondo il coordinatore i casi limite si concentrano in determinate zone del Paese.

Le aree geografiche più colpite dalla malattia nel settore pubblico sono quelle del Centro Sud, con in testa la Campania con un incremento del 15,1%, seguita dal Molise con il 14% e dall’Abruzzo con il 12,9%. Al quarto posto il Lazio con il 12,4% e al quinto posto la Sardegna con l’11,6%. In nessuna regione, c’è da sottolineare, si registra nel triennio 2012-2014 una diminuzione delle assenze per malattia.

Nel settore privato, invece, si registra in tutte le regioni una diminuzione tranne che in Puglia dove si è avuto un incremento degli eventi di malattia del 2,3%.

Versione stampabile
anief anief
anief mnemosine eiform


In evidenza