Giovedì, 30 Giugno 2016

mnemosine
SERVIZI
SPECIALI ESPANDI

Faraone, 4 mld per edilizia scolastica e 300 mln per nuove scuole pilota

di admin
ipsef

"Da un lato gestire la situazione che c'è e fronteggiare le ipotetiche emergenze, e questo lo stiamo facendo con un intervento di quasi quattro miliardi di euro, dall'altro realizzare in ogni regione italiana delle 'scuole pilota', e per questo abbiamo investito 300 milioni di euro. Non bisogna rassegnarsi al fatto di dover gestire l'emergenza e basta; gestiamo l'emergenza ma al tempo stesso programmiamo il futuro".

Ad affermarlo il sottosegretario al Miur, Davide Faraone, a margine del convegno 'Scuole innovative - Abruzzo 3.0' in corso a Pescara. "La scuola italiana - ha detto - sta cambiando radicalmente, ma nel rispetto di un patrimonio e di una tradizione importantissimo in questo Paese. Abbiamo una classe docente, dirigenti scolastici, personale amministrativo che sono all'altezza, noi li stiamo dotando di strumenti migliori per fare bene. Abbiamo aggiunto 3,5 miliardi di euro per la didattica, abbiamo potenziato il numero di insegnanti". "Noi - ha aggiunto - abbiamo cambiato la scuola con la legge 107 sulla Buona Scuola. Naturalmente gli edifici scolastici e l'architettura scolastica devono essere assolutamente coerenti con il percorso innovativo introdotto dalla 107. Non più scuole con caratteristiche a cui siamo abituati, con quei grandi corridoi e con quelle grandi aule, ma scuole che siamo coerenti rispetto alla flessibilità curricolare introdotta con la legge".

"E' chiaro che abbiamo tanto lavoro da fare perché, al di là dell'innovazione, abbiamo da mettere in sesto le scuole che ci sono, quindi gestire le emergenze, ma al tempo stesso realizzare strutture pilota rispetto alla prospettiva, cioè scuole con caratteristiche diverse da quelle tradizionali. Abbiamo investito quasi quattro miliardi per l'edilizia scolastica in pochissimi mesi, quindi - ha concluso il sottosegretario - crediamo che sul percorso dell'edilizia scolastica stiamo facendo molto bene".

Versione stampabile
anief anief
anief mnemosine eiform


In evidenza