Visualizza versione mobile

Lunedì, 25 Luglio 2016

mnemosine
SERVIZI
SPECIALI ESPANDI

Eventi. Giornata internazionale della donna

di redazione
ipsef

La Giornata internazionale della donna ricorre l’otto marzo di ogni anno per ricordare sia le conquiste sociali, politiche ed economiche delle donne, sia le discriminazioni e le violenze di cui sono state e sono ancora oggetto in ogni parte del mondo. La celebrazione si è tenuta per la prima volta negli Stati Uniti nel 1909, in alcuni paesi europei nel 1911 e in Italia nel 1922.

Da quei primi anni, la Giornata internazionale della donna ha assunto una nuova dimensione globale nei paesi sviluppati e nei paesi in via di sviluppo. Il movimento femminista, rafforzato da quattro conferenze mondiali sulle donne organizzate sotto l’egida delle Nazioni Unite, ha contribuito a rendere la commemorazione un punto di incontro degli sforzi coordinati per esigere l’adempimento dei diritti delle donne e la partecipazione ai processi politici ed economici.

 Secondo un comunicato del partito socialista americano, la prima Giornata nazionale delle donne è stata celebrata in tutto il territorio degli Stati Uniti d’America il 28 febbraio 1909. Le donne hanno continuato a celebrare questa giornata l’ultima Domenica del mese di febbraio fino al 1913. 

Nel 1975, Anno Internazionale della Donna, le Nazioni Unite hanno cominciato celebrare la Giornata Internazionale della Donna l’8 marzo.

Nel 1995 la Dichiarazione di Pechino e la sua piattaforma d’azione, che costituiscono una tabella di marcia di significato storico, sono adottati da 189 governi in occasione della Quarta Conferenza Mondiale sulle Donne. Quei documenti contengono impegni completi in risposta alle 12 aree critiche e sono tuttora una potente fonte di guida e di ispirazione. Il Programma d’azione prevede un mondo in cui ogni donna e ragazza possono esercitare le loro libertà e le loro scelte, nonché conoscere e comprendere tutti i loro diritti, compreso quello di vivere libere dalla violenza. Sancisce il diritto all’istruzione, quello di partecipare al processo decisionale e il diritto alla parità di retribuzione a parità di lavoro.

La Carta delle Nazioni Unite, adottata nel 1945, è stato il primo strumento internazionale per affermare il principio della parità tra donne e uomini. Da allora le Nazioni Unite hanno contribuito a creare un patrimonio storico e riconosciuto a livello internazionale per promuovere le strategie, gli standard, i programmi e gli obiettivi per far progredire la condizione delle donne in tutto il mondo.

Nel corso degli anni l’ONU e le sue agenzie specializzate hanno promosso la partecipazione delle donne come partner alla pari con gli uomini nel raggiungimento di uno sviluppo sostenibile, della pace, della sicurezza e del pieno rispetto dei diritti umani. L’empowerment delle donne continua ad essere un elemento al centro degli sforzi da parte delle Nazioni Unite per risolvere le problematiche sociali, economiche e politiche in tutto il mondo.

scadenze ed eventi

Versione stampabile
anief anief
anief mnemosine eiform


In evidenza