Visualizza versione mobile

Domenica, 24 Luglio 2016

mnemosine
SERVIZI
SPECIALI ESPANDI

Docenti introvabili e i supplenti delle GI mandano avanti le scuole. Lettera

di redazione
ipsef

Gentile redazione, giusto a titolo informativo, vorrei portare alla vostra conoscenza una situazione un po' sottovalutata.

Leggo spesso notizie riguardanti la mancanza di insegnanti di svariate discipline, anche stamani salta all'occhio la notizia della carenza di insegnanti in alcune primarie del nord.

Non emerge però mai la problematica dei docenti di Discipline Meccaniche e Tecnologia (A020): le GAE e le GM di tutta Italia si sono esaurite ancor prima della fase B e da anni sono i docenti delle GI a mandare avanti le scuole Professionali e Tecniche. Nella maggior parte dei casi, parlo almeno delle provincie del nord, si attinge a messe a disposizione di neolaureati in ingegneria meccanica quando va bene, altrimenti qualunque laurea in ingegneria viene accettata. Nella mia scuola, ma non è l'unica che conosco, i ragazzi del V hanno avuto come insegnante di Tecnologia Meccanica ed applicazioni, che è materia d'esame,  un ragazzo laureato il giorno prima ed il giorno dopo salito in cattedra rimanendoci un mese , e da qualche tempo un nuovo docente, anch'esso giovanissimo, che non è un meccanico.

Ora, il Presidente del Consiglio non ha altro di meglio da dire che il concorso sarà duro e selettivo così da portare in cattedra solo i migliori: bene, i migliori ci sono e lavorano già da 10 anni su cattedre vacanti (ma le sentenze europee ovviamente non contano!!) ed è anche grazie a loro se i nostri ragazzi hanno una preparazione tecnica e professionale, nonostante tutte le difficoltà che queste scuole devono affrontare ogni giorno, difficoltà superate grazie al Volontariato di questi precari delle GI (ovviamente insieme ai colleghi di ruolo, perché, non si dimentichi, che proprio per il lungo precariato, siamo ormai parte integrante dell'Istituto nel quale lavoriamo!!).

Se ne avrete tempo e voglia potrete verificare la veridicità delle mie affermazioni.

Vi ringrazio dell'attenzione che vorrete dedicare a questa mia,

Francesca Di Giacomo

Versione stampabile
anief anief
anief mnemosine eiform


In evidenza